di Andrea Monaci

12 Milioni di Euro Già Spesi Per un Municipio Che Ancora Non C’è


 

Succede a Seregno, profondo nord, provincia (ancora per poco) di Monza e Brianza, storica culla dell’imprenditoria lombarda ed oggi terra di scandali, malaffare e infiltrazioni mafiose.

Seregno Scandalo Municipio

La storia non è nuova ma è passata fin troppo sotto silenzio. A Seregno, cittadina lombarda in Brianza, il comune ha già speso 12 milioni di euro per il nuovo municipio che però non è stato ancora completato. Avete letto bene, 12 milioni di euro per una struttura pubblica che potrebbe anche non vedere mai definitivamente la luce.

Il tormentato progetto, nato nel 2007, si è trascinato tra incredibili rinvii ed incertezze fino ad oggi. E non è tutto, perché se si decidesse di dare corso finalmente alla realizzazione del progetto, il comune brianzolo dovrà sborsare altri denari, per un totale stratosferico di oltre 15 milioni di euro.

Su questa scandalosa vicenda ha lavorato una commissione d’inchiesta del Consiglio Comunale di Seregno che dopo due anni di lavoro ha presentato martedì scorso la sua relazione: così scopriamo perché si siamo spesi così tanti soldi per un’opera tuttora incompiuta. Le varianti apportate al progetto sono state 12, mentre oltre 16 sono stati gli interventi straordinari per preservare dal deterioramento in questi 5 anni le opere già costruite.

Scrive, tra le altre cose, la commissione d’inchiesta:

“Nell’auditorium appaiono evidenti le infiltrazioni di umidità e di acqua piovana provenienti dall’alto, con conseguente ammaloramento totale della pavimentazione in parquet di legno e possibile compromissione degli impianti (elettrico, termico, di illuminazione e idraulico)”.

Se volete farvi un’idea precisa la relazione è pubblica e disponibile qui.
C’era una volta la Brianza fucina delle imprenditoria italiana, esaltata come modello da Carlo Cattaneo. Oggi, tra mala-amministrazione, crisi economica e voracità criminali cosa resta del cuore della Lombardia?

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Correlati

Commenta via Facebook