in

2 giugno 2018 festa della Repubblica, per Conte è il giorno di tutti e Berlusconi risponde: “Formula contraddittoria”

Oggi è il 72/o anniversario della Festa della Repubblica. E per Giuseppe Conte si tratta della “festa di noi tutti, tanti auguri a tutti”. Così, dunque, il nuovo Presidente del Consiglio rispondei ai cronisti che sulla porta di casa gli chiede un pensiero per gli italiani. Conte è poi partito con la scorta alla volta delle celebrazioni per la festa della Repubblica in programma oggi, sabato 2 giugno. Il Partito Democratico, intanto, nella serata di ieri, durante il giuramento del nuovo Governo, ha tenuto una manifestazione in piazza a difesa della Costituzione. È stato Maurizio Martina, il segretario reggente del Partito Democratico, a difendere la Repubblica e successivamente attaccare il nuovo esecutivo che si è formato grazie a un accordo Lega – Movimento 5 Stelle.

Leggi anche: Tutte le news sul mondo della politica italiana con UrbanPost

Eventi e idee per il 2 giugno a Roma, Napoli e altre città

2 giugno 2018 festa della Repubblica: il pensiero di Mattarella

Per il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, sono libertà e uguaglianza i pilastri società.  I “valori di libertà, giustizia, uguaglianza fra gli uomini e rispetto dei diritti sono il fondamento della nostra società ed i pilastri su cui poggia la costruzione dell’Europa. Dalla condivisione di essi nasce il contributo che il nostro Paese offre alla convivenza pacifica tra i popoli ed allo sviluppo della comunità internazionale”. Così Mattarella in un messaggio al Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano, in occasione del 2 giugno, sottolineando come la Carta sia “architrave delle Istituzioni e supremo riferimento per tutti”.

La Festa della Repubblica 2018: il pensiero di Berlusconi

Per Silvio Berlusconi è una ‘Formula inedita e contraddittoria’. Sì, perché “La festa della Repubblica quest’anno cade in un momento particolarmente difficile, al termine della crisi politica e istituzionale più complessa dal dopoguerra che vede alla luce una formula di governo inedita e anche contraddittoria, una formula di governo non scelta dagli italiani con il voto e che deve conciliare valori e programmi diversi se non addirittura opposti, all’insegna del populismo”. Lo afferma Silvio Berlusconi in un videomessaggio in occasione della festa della Repubblica.

Amici 2018 finale

Amici 2018 semifinale ospiti, assegnazioni e quando va in onda: tutto quello che c’è da sapere

Governo Conte, Cottarelli avverte: “Scuola pubblica, niente tagli”