di Gianluca Capiraso in

2 Omicidi in 3 Ore: Milano Fa Paura


 

Due omicidi nel giro di poche ore: nel tardo pomeriggio le pallottole in centro città che hanno ucciso un assicuratore, poi in serata la donna trovata morta con un sacchetto di plastica in testa. Qualche mese fa l’episodio di Porta Romana. A Milano si muore sempre più facilmente

Altro che capitale economica e città europea. La Milano di oggi fa sempre più fa paura. Se fino a qualche tempo fa sentir parlare di spari ed omicidi da queste parti era un episodio più unico che raro, ora rientra quasi nella quotidianità. E probabilmente la si smetterà con i soliti luoghi comuni del “qui non siamo a Napoli“.

Si spara e si uccide in pieno giorno ed in pieno centro, proprio come accade nelle città più pericolose del mondo. Appena qualche mese fa, aveva suscitato molto scalpore tra l’opinione pubblica meneghina il duplice omicidio in via Muratori, nella centralissima zona di Porta Romana. Un uomo e una donna ammazzati – si dirà successivamente per motivi di droga – e un episodio che sembrava dovesse essere isolato. Tutt’altro.

Bando Tirocini Borsa Lavoro Comune Milano

Solo nella giornata di ieri, a poche ore di distanza, si sono registrati altri due omicidi a Milano, prima nella zona Ovest, poi in quella Est. Un particolare, quest’ultimo, che fa ben intendere come il fenomeno dilagante della criminalità sia tutt’altro che circoscrivibile. Anzi, rispetto al passato, quando crimini, violenze ed omicidi si registravano nelle zone più periferiche, nei quartieri più popolari ai margini della città, ora si spara dovunque.

Nella sempre viva Muratori, strada di passaggio, con la presenza di numerosi uffici e ristoranti, così come nella sempre trafficata via Mosè Bianchi (angolo via E.A. Mario), a poche centinaia di metri dalla signorile Corso Vercelli e dalla Fiera MilanoCity, dove ieri ha perso la vita un assicuratore 69enne, colpito a bruciapelo all’uscita da lavoro. E per chiudere una giornata particolarmente animata per la città, in tarda serata è giunta anche la notizia del ritrovamento di una donna con un sacchetto di plastica in testa.

Stavolta siamo in Piazzale Lagosta, zona Viale Zara, non distanti dalla Stazione Centrale, teatro dell’ennesimo giallo di questa Milano violenta, dove nel 2012 si uccide senza pietà.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...