in ,

Agenzie delle Dogane Roma 1 furbetti del cartellino: 12 dipendenti indagati per truffa aggravata

Torna il fenomeno dei “furbetti del cartellino“, virus inestirpabile – a quanto pare – della pubblica amministrazione e non solo. Questa volta a subire questo fenomeno è l’Agenzie delle Dogane Roma 1. Sono dodici i dipendenti indagati per truffa aggravata e falsa attestazione. Nei loro confronti i carabinieri stanno eseguendo un’ordinanza di applicazione della misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla P.G. emessa dal Tribunale di Roma.

Furbetti del cartellino all’Agenzie delle Dogane Roma 1: inchiesta

Secondo quanto accertato dai carabinieri, attraverso l’installazione di un sistema di videoriprese all’interno dell’Ufficio Pubblico e diversi pedinamenti, i dodici dipendenti indagati giungevano sul posto di lavoro per poi abbandonarlo poco dopo senza fare utilizzo del cosiddetto “badge” elettronico. Dalle indagini dei carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Eur e della stazione Garbatella sarebbe emerso che in alcuni casi gli indagati lasciavano l’Agenzia cedendo il badge a un altro collega che attestava l’uscita al termine dell’orario di lavoro.

Leggi anche: Furbetti del cartellino salvati dalla Corte Costituzionale

Furbetti del cartellino all’Agenzie delle Dogane Roma 1: 209 ore di lavoro retribuite ma non svolte

Per gli investigatori questa pratica consentiva agli impiegati di svolgere mansioni private e di intrattenersi in esercizi pubblici risultando comunque in servizio e continuando pertanto a percepire il compenso previsto dal contratto di lavoro. Durante i mesi dell’indagine avviata nel settembre del 2016, sono state riscontrate 209 ore di lavoro retribuite e non svolte per un danno nei confronti dell’amministrazione di migliaia di euro.

Leggi anche: Furbetti del cartellino salvati dalla Corte Costituzionale

Bando Borse di Studio Inps 2018: requisiti, istruzioni domanda e scadenze per 5450 borse di studio universitarie (GUIDA)

Elezioni Regionali Lombardia 2018, Fontana e la razza bianca: “Mi scuso, sui migranti ho sbagliato io”