di Antonio Paviglianiti in

Al Bano malore, la passione per i vini e il divieto di ingresso in Azerbaijan: 5 curiosità che forse non sapevi


 

Al Bano è celebre solo per le sue qualità canore? No, l’artista pugliese, ricoverato a Bari per un malore, nel corso della sua carriera artistica ha fatto parlare di sé anche per altro: dalle qualità di Dongiovanni alla produzione di vini, fino all’esclusione dall’Azerbajian

Al Bano e Romina Power figli e vita privata

Al Bano Carrisi non sta vivendo un periodo facile. Il cantante pugliese, originario di Cellino San Marco, è stato ricoverato oggi presso la struttura ospedaliera di Bari per un’ischemia cerebrale. Ha difficoltà a pronunciare alcune parole. E le condizioni dell’artista 73enne (74 il 20 maggio, ndr.) non sono delle migliori. Non è in pericolo di vita, ma si tratta del secondo colpo basso che la salute gioca ad Al Bano nel giro di pochi mesi: a dicembre, infatti, è stato operato per un problema cardiaco. Di Al Bano si sa molto dal punto di vista canoro, ma ci sono alcune chicche della sua vita privata di cui non si conosce granché. 

—> AL BANO MALORE: TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE 

Al Bano Carrisi e la produzione di vini

Qualche esempio? Al Bano Carrisi è molto legato alla sua terra natia. Ed è un produttore di vini. Al Bano ha dato vita a una produzione di vini pugliesi, direttamente nella sua Azienda Vinicola Carrisi, che ha sede in contrada Bosco, presso il suo paese natale. Il 16 ottobre 2001, Al Bano Carrisi è stato nominato “Ambasciatore di buona volontà” dell’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite (FAO).  I vini più famosi sono due rossi: il Don Carmelo, intitolato alla memoria di suo padre, e il Platone, premiato nel settembre 2009 come “Miglior vino del mondo” tra quelli che producono i vip di tutto il pianeta.

—> LE STORIE D’AMORE DI AL BANO CARRISI

Al Bano Carrisi e la sua biografia

Al Bano Carrisi si è riscoperto anche scrittore. Come nel 2006, quando ha pubblicato “È la mia vita.” Curiosa è la scelta di non parlare delle sue compagne Romina e Loredana. Per loro, infatti, ha deciso di riservare due pagine bianche. Nello stesso anno, sposa il progetto di Massimo Ferrarese, presidente di Confindustria Brindisi, sponsorizzando la squadra New Basket Brindisi, che partecipa al campionato di serie A2.

Festival di Sanremo 2017 Albano Carrisi cantante

Al Bano Carrisi e il divieto di entrare in Azerbaigian

Al Bano Carrisi non è ben accetto in Azerbaigian. Il 20 ottobre 2010 visita la repubblica de facto del Nagorno Karabakh, non riconosciuta dall’Azerbaigian. Per questo motivo le autorità azere lo inseriscono nella lista delle persone indesiderate nella Repubblica dell’Azerbaigian. Al Bano ha partecipato a una manifestazione folkloristica nella città di Vanq, ha cantato la canzone Felicità sul palco che aveva come sfondo le targhe delle auto abbandonate dalla popolazione azera scappata da Vanq a seguito dell’occupazione da parte esercito armeno durante la Guerra del Nagorno-Karabakh.

—> QUANTI ANNI HA AL BANO CARRISI

Al Bano e l’inizio della sua carriera: ecco cosa faceva prima

Al Bano non è stato da subito un cantante. Il suo percorso di vita ha avuto una lunga fase da emigrante. Ed è per questo che Carrisi solo avorando nel ristorante Il dollaro di Milano,all’epoca frequentato da personaggi dello spettacolo, ha avuto l’opportunità di farsi conoscere dal produttore maestro Pino Massara. Quest’ultimo lo ha invitato a sottoporsi a un provino alla CM (Celentano-Massara) casa di produzione affiliata al Clan Celentano e aperta alla ricerca di nuovi talenti, affidandolo agli arrangiamenti di Detto Mariano, l’arrangiatore del clan di Adriano Celentano.

al bano ricoverato per ischemia

Al Bano e il significato del suo nome d’arte

Dall’impostazione naturale della voce, per alcuni aspetti nella tradizione melodica italiana, per altri con inflessioni da blues-man, Pino Massara decide di battezzarlo Al Bano (sulla falsariga di Al Jolson).

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanSpettacolo

Leggi anche

Commenta via Facebook