di Gianluca Capiraso in

Alfano: Dico No al Riordino Province Ed E’ Già Campagna Elettorale


 

Per il segretario del Pdl, che ha incontrato alcuni presidenti delle amministrazioni provinciali imbronciati, è tempo di assicurarsi voti e simpatie: “E’ un pasticcio cosmico. Ci opporremo al provvedimento voluto dal Governo”. Si tratta dell’ennesimo annuncio elettorale?

Potrebbe essere uno dei motivi di scontro delle prossime settimane, dopo la recente rottura tra lo stesso Angelino Alfano e il Governo Monti per la data delle elezioni regionali, che aveva addirittura portato il segretario del Pdl a minacciare la caduta dell’esecutivo.

Così come potrebbe essere l’ennesima battaglia, tra annunci e promesse, condotta per cavalcare l’onda emotiva della gente, ed in particolar modo dei residenti in quelle province che saranno accorpate. Pisa, Avellino, Chieti, Lodi, Prato, Treviso, Frosinone sembrano, in tal senso, le più “nervose”.

Non a caso, tra i presidenti delle amministrazioni provinciali che Alfano ha incontrato a Roma c’era anche Cosimo Sibilia a difendere gli interessi della sua di provincia, quella di Avellino. L’ex Ministro della Giustizia, ora impegnato nella sua campagna elettorale per la corsa alle primarie del Pdl, ha mostrato e trasmesso fiducia ai presenti: “Ci opporremo a questo decreto, così come è stato strutturato si tratta di un pasticcio cosmico. Faremo di tutto affinché non passi in Parlamento”.

Angelino Alfano Candidato Premier Pdl

Le parole di Angelino Alfano hanno fatto seguito all’intervento di Sibilia, presidente della provincia di Avellino, che è stato invitato dai suoi colleghi a spiegare nei dettagli cosa stesse accadendo in Irpinia in relazione all’accorpamento con il Sannio. La vibrante protesta dei giorni scorsi per le strade del capoluogo irpino, finita in prima serata al Tg5, sembra aver risvegliato dal torpore anche i residenti delle altre province penalizzate. Lo stesso TG5, questa sera, ha mandato in onda un servizio in cui i cittadini trevigiani affermavano di seguire la scia della contestazione avellinese, cercando di organizzare una manifestazione con lo stesso entusiasmo.

Sibilia, che ha raccontato “come una provincia di 438.637 abitanti possa perdere il capoluogo, per cederlo ad un’altra provincia (soppressa) di abitanti di 287.000 abitanti“.

Una vicenda che, numeri alla mano, ha sorpreso lo stesso segretario del Pdl, che non conosceva così nei particolari i risultati prodotti dall’eventuale accorpamento tra le province di Avellino e Benevento.

Nei giorni scorsi è intervenuto sulla vicenda anche Francesco Pionati, ex giornalista del Tg1, ora in politica con l’Alleanza di Centro, affermando di aver “parlato con Catricalà in prima persona per metterlo al corrente di quest’anomalia tutta italiana e di aver ricevuto la massima attenzione”.

Insomma, politici di tutti gli schieramenti si stanno improvvisamente svegliando. E’ proprio vero che la campagna elettorale è già iniziata…

ALTRO SU RIORDINO PROVINCE

Riordino Province, Avellino si Ribella di Daniele Miceli

Il sindaco senza vergogna di Gianluca Capiraso

Le Province Senza Soldi Spengono i Riscaldamenti nelle Scuole di Andrea Monaci

La rivalità tra Livorno e Pisa Sotto Un’Unica Provincia di Alessandro Cirinei

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...