di Sonia Burzì Principe

Allure: il Tessuto che Contrasta la Cellulite


 

Questa volta non parliamo di creme, di ultrasuoni, massaggi o altre tecniche a cui noi donne spesso ricorriamo per contrastare un antiestetico problema, quello della cellulite. Parliamo di Allure il primo filato “estetico” certificato che aiuterà a contrastare e curare la pelle a buccia d’arancia e a stimolare la microcircolazione.

Si chiama Allure ed è stato realizzato da un’azienda di ricerca di Como, Tessitura Taiana, dopo attenti e approfonditi studi in collaborazione con le migliori Università europee. Si tratta di un tessuto in grado di migliorare l’aspetto della pelle e contrastare l’odiata e temuta cellulite.

Allure è un tessuto particolare, una poliammide che incorpora “nella sua matrice  polimerica cristalli minerali bioattivi” , tutto ciò ha la capacità di attivare una perenne radiazione di raggi infrarossi definiti anche i “raggi della vita” che hanno la capacità, a contatto con la pelle, di migliorarne l’elasticità stimolando il collagene, migliorare la microcircolazione e il drenaggio linfatico riducendo così la cellulite e contrastandone la comparsa.La pelle sarà più compatta, elastica, liscia, uniforme.

La cellulite e la pelle a buccia d’arancia sono provocate da una scarsa microcircolazione sanguigna in alcune zone del corpo, questa provoca una diversità della temperatura della pelle, un accumulo di liquidi, un successivo rigonfiamento delle cellule e la comparsa dei tipici buchi e della disomogeneità della superficie della pelle.

L’innovativo tessuto sarà in grado, grazie alla sua capacità di emettere raggi infrarossi, di risolvere questi problemi. Le proprietà non si perderanno con i lavaggi. Il filato è già stato certificato Oekotex, sarà molto elastico, sottile, setoso, con effetto dimagrante istantaneo (sembrerà di indossare shaping pelle su pelle) ora attendiamo i primi capi che sicuramente saranno indumenti di lingerie e capi per il fitness.

(foto: @123rf.com)

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Correlati

Commenta via Facebook

INTERVISTE

EDITORIALI

I nostri Quiz