in

Alta velocità in tilt oggi: cosa sta succedendo, la situazione in tempo reale

E’ una nuova giornata nera per i treni ad alta velocità in Italia. Dopo i problemi già registrati ieri, oggi sabato 8 settembre 2018 l’alta velocità è in tilt. Interruzioni, guasti e altri inconvenienti lungo la linea hanno causato pesanti disagi. Tutto è iniziato con un problema al nodo di Torino, che ha causato pesanti ritardi ai convogli in partenza, non solo i treni veloci. Poi si sono verificati rallentamenti nei pressi di Firenze a causa di persone nei pressi dei binari. E per complicare ulteriormente le cose un treno Italo è rimasto in panne tra Napoli e Roma, causando pesanti ritardi sulla tratta.

A Torino i disagi alla circolazione dei treni sono stati causati da un inconveniente alla linea elettrica di alimentazione a Porta Nuova. Il guasto ha causato ritardi fino a 70 minuti per otto treni ad alta velocità e per quindici regionali. Inoltre altri quattro treni sono stati cancellati ed altri sette limitati nel percorso. A causa del guasto si sono verificati ritardi sulle linee in uscita ed entrata da Torino Porta Nuova per Modana, Cuneo, Milano, Ventimiglia e Genova. A Firenze invece i ritardi dei treni sono stati causati da “persone nei pressi dei binari dell’Alta velocità”. Un guasto a un convoglio Italo tra Napoli e Roma ha poi innescato altri ritardi, anche di 90 minuti.

Intanto Trenitalia in un comunicato ha garantito gli indennizzi per i viaggiatori che hanno subito ritardi nella giornata di ieri. “Tutti i clienti di Trenitalia rimasti coinvolti nei ritardi sulla linea Direttissima Roma Firenze il 7 settembre, conseguenza di un grave guasto alla linea elettrica tra Settebagni e Capena, possono ottenere l’indennizzo a loro dovuto già da domenica 9 settembre. Trenitalia rende così noto di aver attivato le necessarie procedure, erogando da subito, i primi indennizzi e adottando alcune misure straordinarie rispetto alle norme in vigore. Ai viaggiatori del FR 9540 rimasto fermo in linea sarà corrisposto il rimborso integrale del biglietto e un bonus di pari valore, da “spendere” entro un anno per prossimi viaggi. Per tutti i viaggiatori degli altri treni giunti a destinazione con un ritardo superiore ai 180 minuti Trenitalia garantirà il rimborso integrale del biglietto pagato, misura anche questa non prevista dai regolamenti comunitari adottati da Trenitalia”.

Leggi anche –> Autostrade in tempo reale: la situazione del traffico oggi

Written by Andrea Monaci

47 anni, fondatore e direttore editoriale di Urbanpost.it Ha iniziato la sua carriera con la cronaca locale, ma negli ultimi 20 anni si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto, tra gli altri, per il "Secolo XIX" e "Lavoro e Carriere". Quando non lavora le sue passioni sono la musica rock, i cani, le vecchie auto e la buona cucina.

Allarme batterio dalla Svizzera: epidemia che ha colpito 230 pazienti all’ospedale di Berna

Luigi Mastroianni pronto a lasciare la sedia rossa per la tronista Mara? Colpo di scena a “Uomini e donne”!