di mbarbie1970 in

Amministratore Delegato di Intel Annuncia le Proprie Dimissioni Anticipate


 

L’amministratore delegato di Intel, Paul Otellini, annuncia le proprie dimissioni anticipate dalla carica, una decisione a sorpresa che interrompe il rapporto con l’azienda che a sua volta scatta alla ricerca di un successore.

Amministratore Delegato Intel Paul Otellini si Dimette

L’azienda della Silicon Valley, il più grande produttore di semiconduttori al mondo a livello di fatturato, segnala i piani con largo anticipo per la sua successione. Paul Otellini, che ha 62 anni, sarebbe potuto rimanere al suo posto fino al pensionamento obbligatorio di Intel previsto a 65 anni. “La società è rimasta sorpresa della sua decisione di andare in pensione anticipatamente”, ha dichiarato una persona vicina all’azienda, concludendo che era però tempo per una nuova leadership in azienda. “La decisione di andare in pensione anticipatamente è stata dettata da una scelta personale dello stesso amministratore delegato,” ha dichiarato Paul Bergevin, un portavoce di Intel, aggiungendo che il consiglio ha accettato la sua decisione con “rammarico”. Nel discorso preparato, Paul Otellini sostiene che era il momento di “andare avanti e trasferire il timone di Intel a una nuova generazione di leadership”.

Ma la decisione è arrivato quando Intel, che produce i microprocessori utilizzati nella maggior parte dei computer, si affaccia a un crollo della domanda per PC e una dura battaglia per spostare il suo franchise verso una più rapida crescita del mercato per i dispositivi mobili, una delle principali priorità di Mr. Otellini che ha mostrato però dei risultati molto limitati. Intel è recentemente riuscita a collocare alcuni chip in una manciata di smartphone, ma deve affrontare una battaglia in salita, in un mercato dove i produttori di chip utilizzano la tecnologia concessa in licenza dalla ARM Holdings PLC. Intel ha dichiarato che la società starebbe visionando sia candidati interni che esterni per il ruolo di nuovo amministratore delegato, come da tradizione dell’azienda. La società ha nominato tre interni lunedì, dando loro delle promozioni, tra cui quella di vicepresidente esecutivo. Si tratta di Renee James, capo del settore software di Intel, Brian Krzanich, responsabile dell’ufficio operativo e produzione in tutto il mondo, e Stacy Smith, responsabile del reparto finanziario e direttore della strategia aziendale.

Paul Otellini Intel Dimissioni

Paul Otellini, un veterano di quasi 40 anni presso la società che ha preso la posizione di amministratore delegato nel 2005, ha avuto un mandato segnato da molti successi, tra cui attraversare la fase dei 50 miliardi di dollari di fatturato annuo per la forte espansione della società nella tecnologia di produzione. Sulle delusioni nel mercato della telefonia mobile di Intel hanno contribuito in gran parte i prezzi stagnanti, e in parte la posizione della società di maggior valore nei semiconduttori che è stata recentemente eclissata da Qualcomm che fornisce i chip per i telefoni cellulari. Doug Freedman, analista di RBC Capital Markets, ha scritto in una nota di ricerca che il cambio della leadership potrebbe essere “la notizia di benvenuto” per gli investitori sull’aspettativa di come Intel potrebbe essere maggiormente in grado di ampliare il suo portafoglio in più mercati in via di espansione, tra cui i chip per i dispositivi mobili . Le azioni Intel sono state recentemente scambiate intorno a 20,38 dollari, in crescita di 18 centesimi al Nasdaq. Andy Bryant, presidente di Intel, ha descritto Paul Otellini “un leader molto forte”, esprimendo la gratitudine della società per i suoi contributi dati all’azienda. Mr. Otellini ha dichiarato che si auspica di collaborare ancora con la società e il team di gestione, offrendo la propria disponibilità come consulente per la gestione dopo il ritiro.

photo credit: umpcportal.com via photopin cc
photo credit: wicho via photopin cc

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

wickedin lavoro