in

Anche un calciatore del Livorno a bordo dell’Atr 72 finito fuori pista: la sua testimonianza

A bordo dell’Atr 72 della Carpatair  partito da Pisa che sabato sera è finito fuori pista c’era anche Savvas Gentsoglous, 22 anni centrocampista greco del Livorno. Il giocatore stava tornando a casa dopo la partita di campionato vinta dai toscani con la Pro Vercelli. La squadra amaranto tornerà ad allenarsi martedì per cui i calciatori hanno approfittato dei due giorni di riposo per tornare dalle famiglie. Così Gentsoglou nel tardo pomeriggio si è imbarcato sul volo AZ1670D con destinazione Roma per poi proseguire per la Grecia.

Intervistato dal giornale on line fthis.gr Gentsoglou ha raccontato la sua disavventura: “L’incidente – ha detto  – è durato circa trenta secondi durante i quali noi passeggeri eravamo nel panico. Piangevamo tutti. Il pilota si è messo a gridare attraverso gli altoparlanti. Ero seduto al centro del velivolo per cui ho visto tutto e mi sono reso conto di cosa stava succedendo. Quando ci siamo fermati mi sono buttato sugli scivoli d’emergenza e mi sono ritrovato sui campi da dove ho chiamato casa per rassicurare i miei genitori e mio fratello”.

Gentsoglou è arrivato a casa solo domenica all’ora di pranzo e da casa prima ha rassicurato i dirigenti del Livorno che gli hanno concesso un giorno in più di permesso, e poi ha aggiornato il suo profilo Facebook postando le foto dell’incidente evidentemente scattate da un telefono cellulare.

Leggi anche: –> Incidente aereo Fiumicino: Alitalia rimuove i loghi dall’Atr-72 uscito di pista

Written by Fabrizio Pucci

Fabrizio Pucci nasce nel 1970 a Livorno, città dove risiede. Nel 1984 pubblica il primo articolo, la presentazione della partita di calcio Livorno-Ancona. Dopo il Liceo inizia una serie di collaborazioni con radio e tv che con gli anni lo porteranno fino a Tele+ e Sportmediaset. Attualmente collabora con Il Tirreno di Livorno. Appassionato di Sport, non si perde una partita del 'suo' Livorno per lavoro, ma anche per amore della maglia amaranto. Pessimista di natura, perché è sempre meglio prepararsi al peggio per poi festeggiare il meglio.

Tra cronaca e storia sulle copertine de “La Domenica del Corriere” – sesta puntata

Ce ne libereremo mai?