di M.B. Michela in ,

Ancona bimbo di 5 anni cade in pozzo frantoio: morto dopo un volo di 5 metri


 

Ancona bimbo di 5 anni cade in pozzo frantoio: morto dopo un volo di 5 metri. Giocava al buio e gli adulti che erano con lui non si sono accorti che dalla cisterna mancava il chiusino

ancona morto bambino di 5 anni

Tragedia ad Ancona, dove un bambino di 5 anni ha perso la vita cadendo nel pozzo di un frantoio a Corinaldo, in provincia di Ancona. Il dramma secondo quanto emerso si è verificato ieri sera intorno alle 18:30. Il piccolo, di nazionalità rumena e residente con la famiglia a Ostra Vetere, era andato con il papà e la zia a consegnare le olive per la frangitura e, in attesa di ritirare l’olio, mentre i tre erano appoggiati a una sorta di pedana all’esterno del frantoio, in un’area di manovra di mezzi e di sosta, è caduto in un pozzo.

Era buio, il bambino stava giocando e forse non ha visto, né gli adulti che erano con lui, che nell’apertura del pozzo non c’era il chiusino. Il bimbo ha fatto un volo di 5 metri, quando i Vigili del fuoco, intervenuti immediatamente sul posto, lo hanno recuperato purtroppo il bambino era in arresto cardiaco, ed è arrivato già morto all’ospedale di Senigallia. Sembra che i parenti nemmeno lo abbiano visto cadere, ma siano stati attirati da un tonfo e poi dai lamenti del piccolino provenire dal pozzetto. Indagano i carabinieri si Senigallia i quali avrebbero già avuto modo di capire che il bambino sarebbe precipitato in una cisterna dove vengono raccolti i liquidi della lavorazione delle olive. Il decesso è avvenuto alle 20,25 di ieri sera, 12 novembre.

>>> Potrebbe interessarti anche —> Terremoto tra Iraq e Iran news, un’ecatombe: i morti sono oltre 200 <<<

Al vaglio degli inquirenti l’esatta dinamica dei fatti e la testimonianza di tutti i presenti al momento della tragedia. Il pm titolare delle indagini deciderà a breve se disporre l’autopsia sul corpo della giovane vittima.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook