in

Animali investiti, Obbligatorio Prestare Soccorso

Ecco il nero su bianco. E’ cosa fatta la riforma del Codice della Strada già programmata dall’estate 2010. Un passo in avanti, decisivo, nel riconoscimento dei diritti degli animali. Non solo gli amici a quattro zampe. Cosa cambia? Per cominciare l’automobilista è obbligato a fermarsi in caso di investimento  di un animale, che sia un cane, una pecora o un gabbiano. Il passo in avanti è sostanziale se si pensa che fino ad oggi ci si doveva fermare in caso di danno a cose o persone (anche se si danneggiava ad esempio un palo della pubblica illuminazione) ma non agli animali. C’è dell’altro.

Nell’ottica della totale equiparazione sullo stato di necessità del pronto soccorso, è ora possibile l’utilizzo di sirene e lampeggianti per le ambulanze veterinarie che trasportano gli animali feriti. Prima, facendolo, si contravveniva alla normativa e la multa era inevitabile. Sanzioni erano previste anche per il privato che, nonostante la comprovata urgenza della situazione, magari non rispettava il “rosso” al semaforo per salvare il suo amico a quattro zampe e correre dal veterinario. La musica cambia e chi non dovesse accorgersi della sirena dell’ambulanza veterinaria omettendo di darle strada dovrà pagare una sanzione amministrativa tra i 39 ed i 159 euro. Il decreto è stato pubblicato oggi sulla Gazzetta Ufficiale. Soccorso e trasporto diventano uguali per tutti.

Written by MiDa

Avvocato con la passione per il giornalismo. Segue a 360° il mondo dell'informazione, ama commentare il calcio e cercare curiosità in giro per le strade. Tra la gente. Viaggiatore mangiachilometri.

Vodafone Svalutazione Titolo

Vodafone: Svalutazioni per 9,5 Miliardi di Dollari in Spagna e Italia

Mosetti Montano fine Love Story Twitter

Mosetti-Montano: Fine di un Amore Ai Tempi dei Social Network