di Sonia Burzì Principe

Animalier: la Tendenza Sempre alla Moda


 

Seducente, accattivante, senza tempo, l’animalier è sulle passerelle ormai da anni e trova sempre fervide seguaci e designer pronti a reinterpretarlo in chiave emozionante ed originale. Tantissime nel corso degli anni sono state le varianti, gli abbinamenti, i colori e ogni volta hanno avuto il loro successo ed approvazione nel mondo della moda.

Arredo Animalier Zara Autunno 2012

Il fascino del maculato ha origini molto lontane, le pelli degli animali, in particolare il leopardo, nell’antico Egitto avevano un significato sacro. Indossare il manto dell’animale significava avere un collegamento con l’aldilà.
La stampa tessile o animalier print, che sia maculato, tigrato, zebrato o pitonato veniva utilizzato già in epoca settecentesca per aggiungere un tocco esotico, di opulenza e di potere.
Bisogna aspettare il 1947 per vederlo sulle passerelle e il precursore fu Christian Dior, le linee sensuali, raffinate catturarono l’attenzione di molte dive. Stars simbolo di eleganza femminile come Marilyn Monroe, Audrey Hepburn indossarono capi o motivi animalier nei loro film.
Negli anni ’70 Roberto Cavalli comincia a fare dell’animalier la sua identità stilistica, per questo gli venne poi dato il soprannome di “Re della giungla della moda”. Cavalli sa reinterpretare le stampe maculate donando un wild touch che sa stupire continuamente.
Anna Molinari dona al suo maculato colori fluo o pastello che hanno catturato l’attenzione delle donne più giovani.

Behnaz Kanani Scarpe

La designer iraniana Behnaz Kanani che, si è formata negli atelier più prestigiosi nel mondo della moda, come Bruno Magni e Jimmy Choo. Nelle collezioni di scarpe che portano il suo nome realizzate finemente nei minimi particolari, troviamo spesso inserti in pelle pitonata, coccodrillo, cavallino, visone (come potete vedere nella foto sopra). Un linguaggio che vuole comunicare femminilità, naturalezza, lusso.

Nel corso degli anni l’animalier è diventato un baluardo del fashion system, quasi come il nero, ed è passato dal guardaroba a in molti pezzi d’arredo, biancheria per la casa, divani, tappeti.
Il pouf Charlotte firmato dal designer svizzero Luc Swen è uno dei tanti esempi, una seduta di pelo arruffato con zampe rosa in acciaio.
Nella foto principale vedete invece, alcuni dettagli e oggetti d’arredo della moda autunno 2012 proposta da Zara Home.

Il 2012 vede affacciarsi prepotente delle stampe animalier nel mondo della moda che siano scarpe, borse, accessori, intimo, montature di occhiali, oggetti di design o addirittura oggetti di uso quotidiano, un’invasione che comunque già sappiamo maneggiare, abbinare, amare! Non è più così eccessiva come appariva un tempo e non è più una stampa riservata a grandi griffe, si trovano anche marchi low cost.
Da Zara, come potete vedere nelle foto sottostanti, alle stampe maculate troviamo l’abbinamento con borchie o teschi, altri cult di quest’anno, e stampe con raffigurati volti di animali.

Animalier Zara Moda 2012

Una moda che ci richiama alla natura, al suo seducente fascino, alla sua bellezza, che non stufa a distanza di molto tempo, ma a cui si finisce per “affezionarsi”, che ci risulta familiare e che ormai sappiamo abbinare senza volgarità, ma con chic, che ci dona sempre quel particolare tocco di femminilità attraente.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Correlati

Commenta via Facebook

INTERVISTE

EDITORIALI

I nostri Quiz