di Elisa Genua in ,

Anticipazioni aggiornamento Facebook: in arrivo nuove funzionalità contro le vendette social


 

L’appello di Mark Zuckberg fa chiarezza sui futuri tool sviluppati dalla piattaforma social: “Siamo concentrati sulla costruzione di una comunità che tiene le persone al sicuro.”

facebook stories

Facebook protegge con nuove implementazioni la privacy dei propri utenti. Il social network vuole mettere fine alla diffusione di foto senza consenso e del cosiddetto “revenge porn“.

>>> SEGUICI SU FACEBOOK, METTI MI PIACE ALLA PAGINA DI URBANPOST TECH <<<

La nota qui sopra riportata dal profilo di Mark Zuckerberg chiarisce meglio l’introduzione dei nuovi tool:
Siamo concentrati sulla costruzione di una comunità che tiene le persone al sicuro. Ciò significa che la tecnologia e gli strumenti di intelligenza artificiale servono a prevenire danni. Oggi stiamo lanciando nuovi strumenti per prevenire che la “revenge porn” venga condivisa su Facebook, Messenger e Instagram. La vendetta porno è una foto intima condivisa senza permesso. È sbagliato, è dannoso, e se si segnala a noi, noi ora utilizzeremo l’AI e il riconoscimento delle immagini per evitare che venga condiviso su tutte le nostre piattaforme.
La piattaforma social ha sviluppato alcuni strumenti per rispondere al meglio contro immagini e post potenzialmente dannosi. Grazie infatti alla Cyber Civil Rights Initiative ci sarà un maggiore supporto da parte di Facebook alle vittime del revenge porn.
Il prossimo aggiornamento della piattaforma sarà dunque improntato sui bisogni collaterali al bullismo 2.0. Facebook metterà infatti a disposizione una guida ad hoc per istruire gli utenti sulle nuove features lanciate per preservare la privacy della community. Tra gli enti coinvolti nel progetto figurano anche il National Network to End Domestic Violence, il Center for Social Research e la Revenge Porn Helpline (UK).

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanTech

Leggi anche

Commenta via Facebook

Parliamo di...