in ,

Anticipazioni Quarto Grado stasera 6 aprile 2018: dal processo Vannini alla morte di Alessandro Neri

Le anticipazioni di Quarto Grado per la puntata di stasera, 6 aprile 2018, annunciano che Gianluigi Nuzzi si occuperà soprattutto del processo Vannini e della morte di Alessandro Neri. Il giornalista e conduttore della nota trasmissione di Rete 4, ad un mese dalla scomparsa del ragazzo di Pescara, tenterà di fare il punto della situazione. La madre del giovane attende ancora di scoprire la verità su quanto possa essergli accaduto. Sono, invece, le ultime udienze per quanto riguarda il processo per la morte di Marco Vannini. Molti attendono con ansia la sentenza del giudice.

pescara alessandro neri news

Anticipazioni Quarto Grado stasera 6 aprile 2018: la morte di Alessandro Neri

Dopo la pausa per le festività pasquali, torna il consueto appuntamento con Quarto Grado. Gianluigi Nuzzi, con Alessandra Viero, questa sera, venerdì 6 aprile, in prima serata, si occuperanno dell’omicidio di Alessandro Neri, il ventinovenne di Pescara scomparso lo scorso 5 marzo e ritrovato senza vita, tre giorni dopo, vicino al torrente Vallelunga. Gli inquirenti hanno battuto ogni pista: dal movente economico a quello passionale, fino all’ipotesi di rancori all’interno della famiglia, ma, dopo un mese, tutto pare essere stato fatto invano tanto che sembra che siano giunti ad un punto di stallo. Nulla è emerso e tutti aspettano ancora di conoscere la verità. Cosa è accaduto ad Alessandro Neri? La madre del ragazzo continua a lanciare appelli dai social network, rivolgendosi direttamente a chi ha esploso i due colpi di pistola che hanno ucciso suo figlio.

omicidio marco vannini ciontoli sospeso

Anticipazioni Quarto Grado stasera: la morte di Marco Vannini

Successivamente Gianluigi Nuzzi si occuperà della morte di marco Vannini e delle ultime udienze del processo. La trasmissione di Rete 4 è stata presente al dibattimento della prima Corte d’Assise di Roma per il caso riguardante la morte del giovane ventunenne avvenuta il 18 maggio 2015 a Ladispoli dopo una serata trascorsa a casa della fidanzata Martina Ciontoli. Il pm Alessandra D’Amore accusando tutta la famiglia della ragazza di concorso in omicidio volontario ha chiesto ventun anni per il capofamiglia Antonio, quattordici per la moglie Maria Pezzillo e per i due figli, Martina e Federico. Per la fidanzata di quest’ultimo, Viola Giorgini, la richiesta è di due anni per omissione di soccorso. Cosa stabilirà la sentenza attesa per il prossimo 18 aprile? 

Elicottero della Marina caduto nel Mediterraneo centrale: morto uno dei membri dell’equipaggio

morte denis bergamini

Morte Denis Bergamini ultime notizie: terza persona indagata, è un poliziotto