di Michele Iacovone in , ,

Apple, niente più messaggi alla guida: nuova funzione li bloccherà, ecco come


 

Sta per arrivare una nuova funzione tramite iOS 11 sugli smartphone targati Apple: in questo modo non sarà più possibile inviare SMS mentre si guida

Apple, niente piu messaggi alla guida, arriva funzione che li blocchera

Non esistono solo alcol e droghe come cause degli incidenti stradali. Dall’avvento della telefonia mobile, anche gli smartphone sono finiti per diventare concause di questi terribili avvenimenti in cui le persone, soprattutto giovani, perdono la vita. Mandare messaggi e chiamare qualcuno mentre si hanno le mani sul volante potrebbe diventare molto più complicato d’ora in avanti per i possessori di iPhone. Apple, con la nuova versione iOS 11, apporterà una nuova funzionalità con l’intento di limitare l’uso dell’iPhone alla guida.

->SEGUICI ANCHE SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK UFFICIALE: URBAN TECH

Niente più messaggi durante la guida. Apple porrà fine alla tentazione di guidare osservando lo schermo del proprio smartphone con il rischio di provocare incidenti. La nuova funzionalità che arriverà con iOS 11 si chiamerà Do not Disturb While Driving e avrà come scopo principale quello di salvare la vita ai guidatori distratti che non riescono a fare a meno del loro device anche mentre si trovano con le mani sul volante.

Il funzionamento, spiega anche il sito Money.Cnn, è il seguente: il sistema è in grado di riconoscere il movimento dell’automobile su cui si trova, in questo modo potrà bloccare i messaggi di testo sia in uscita che in arrivo, nonché le telefonate ed bloccherà l’uso delle App bloccandone lo schermo. Lo smartphone si potrà collegare all’automobile tramite Bluetooth o cavo. Nel caso si ricevessero messaggi o chiamate, lo smartphone invierà un SMS automatico sottolineando che al momento non si potrà rispondere. Ovviamente sarà possibile disabilitare la funzione.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanTech

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...