in ,

Arredare casa in pillole: intervista a Lorenza Luti di Kartell

Lorenza Luti, Direttore marketing e retail presso Kartell, e nipote del fondatore dell’impresa, Giulio Castelli, per il progetto editoriale “Arredare casa in pillole” di UrbanDonna – Casa, ha risposto ad alcune domande, dando alcuni consigli molto utili di arredamento.

Immaginiamo di entrare in una casa totalmente bianca e vuota, da che cosa si parte?

Direi dalla definizione degli spazi, dalla funzionalità degli ambienti ma soprattutto da un approccio molto individuale. La casa è la dimensione in cui proiettare la nostra personalità, i vissuti, gli incontri, il nostro gusto inconfondibile. La casa è il luogo in cui bisogna sentirsi liberi di esprimersi, contaminare stili e oggetti e non uniformarsi passivamente a un progetto di interior decoration chiavi in mano.

I tre colori di Kartell del 2016?

Il catalogo Kartell da sempre si compone, nelle sue oltre 150 linee di prodotto, di un’ampia gamma di colori che spazia dalle tinte più tenui a quelli più forti. La nostra filosofia è quella di adattare il colore al materiale e alle linee del prodotto che andiamo a sviluppare. A seconda del materiale e della tecnologia, cerchiamo sempre di valorizzare il prodotto anche nelle sue varianti cromatiche, piene, trasparenti o semi-trasparenti, lucide o mat. Fatta questa premessa e anche affermando che Kartell si pone al di là di tendenze transitorie, possiamo tuttavia dire che nel 2016 lanceremo una nuova collezione “Kartell goes Sottsass. A Tribute to Memphis” composta da una linea di sgabelli e vasi disegnati dal Maestro nel 2004 espressamente per Kartell e ora messe in produzione, caratteristiche per i colori pieni accesi e lucidi, decisamente pop, come rosso, viola, rosa. Inoltre proporremo tutta una serie di imbottiti del nostro catalogo, rivestiti con tessuti Memphis, tipici per le grafiche pop. Anche in questo caso i colori sono decisamente accesi: giallo, fucsia, verde acido.

Il vostro pezzo che non dovrebbe mai mancare?

Sicuramente le sedute La Marie, Victoria Ghost e Louis Ghost sono alcuni fra i prodotti icona dell’azienda le cui linee e materiale semplici sono comunque capaci di arricchire diversi ambienti creando un mood elegante e di classe.

Meglio minimal o abbondare?

I prodotti Kartell rispecchiano decisamente linee minimal, semplici e di facile fruizione ma che vengono arricchite dal colore, dal gioco dei sensi, dalle trasparenze e dalle forme uniche. Direi quindi uno stile elegante e pulito, ma caratterizzato da una forte estetica.

Che cosa serve per chiamare la casa, “Casa”?

La casa come ho detto è un luogo intimo e personale, dove ciascuno può esprimere la propria personalità e carattere. La scelta degli arredi riflette il gusto delle persone, ugualmente alla scelta degli abiti da indossare, ciò che rende un’abitazione, casa è l’anima delle persone che ci abitano.

La vostra pillola per i nostri lettori?

Non lasciatevi influenzare troppo e seguite la vostra natura.

Grazie

Photo Credit e Gallery: Kartell, uso editoriale di UrbanDonna – Casa

Unicredit Start Lab startup

Unicredit, licenziamenti: maxi-taglio di 6.900 posti in Italia entro il 2018

milano capotreno aggressione terzouomo

No Expo, arrestati manifestanti del Primo Maggio a Milano: accuse di devastazione e saccheggio