di Stephanie Barone in , ,

Assegno maternità e familiare 2017: i requisiti economici per il nuovo anno


 

Dall’Inps arrivano le direttive per il nuovo anno per quel che riguarda i requisiti economici per accedere all’assegno di maternità 2017 e all’assegno familiare 2017.

assegno maternità 2017, assegno maternità 2017 requisiti, assegno familiare 2017, assegno familiare 2017 requisiti, assegno maternità 2017 inps, assegno familiare 2017 inps,

Una circolare Inps ha reso noti i requisiti economici richiesti per il nuovo anno per poter accedere alle agevolazioni alla famiglia rese disponibili dai Comuni. Oltre agli incentivi statali come il Bonus Mamma Domani, il Bonus Bebè, il Bonus Nido o i voucher, esistono infatti anche sostegni economici alla famiglia resi disponibili dagli enti locali. Uno è l’assegno di maternità 2017 , ovvero una prestazione assistenziale concessa dai Comuni ed erogata dall’Inps, mentre l’altro è l’assegno familiare 2017, ovvero un sostegno per le famiglie dei lavoratori dipendenti e dei pensionati da lavoro dipendente, i cui nuclei familiari siano composti da più persone e che abbiano redditi inferiori a quelli determinati ogni anno dalla Legge.

=> Volete essere sempre aggiornati? Seguiteci anche sulla nostra pagina Facebook!

Quali i requisiti economici richiesti per il nuovo anno per poter accedere a questi benefici economici? In una circolare l’Inps conferma che i valori sono rimasti invariati rispetto ai due anni precedenti. L’assegno familiare 2017 rimane infatti pari a 141,30 euro e l’ISEE massimo per poterlo richiedere è di 8.555,99 euro. L’importo dell’assegno di maternità 2017 è invece sempre pari a 338,89 euro al mese per cinque mensilità. L’ISEE di riferimento massimo per potervi accedere è invece di 16.954,95 euro.

Come ha infatti spiegato l’Inps nella circolare su assegno di maternità 2017 e assegno familiare 2017 “con riferimento alle prestazioni previdenziali e assistenziali e ai parametri ad esse connessi, la percentuale di adeguamento corrispondente alla variazione che si determina rapportando il valore medio dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per famiglie di operai ed impiegati, relativo all’anno precedente il mese di decorrenza dell’adeguamento, all’analogo valore medio relativo all’anno precedente non può essere inferiore a zero”.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook