in

Assunzioni Ferrovie dello Stato giugno 2018: tutte le offerte di lavoro in corso, ecco requisiti e scadenze domande (GUIDA COMPLETA)

Continuano le assunzioni nel gruppo Ferrovie dello Stato per giugno 2018. Tutto quello che c’è da sapere per le assunzioni in Ferrovie dello Stato di giugno 2018 nel mondo Trenitalia, RFI, Mercitalia e tutte le ricerche avviate nella sezione “Lavora con noi”. Sono tantissimi, quotidianamente, gli italiani che provano ad entrare nel mondo Trenitalia e anche per giugno 2018 il gruppo Ferrovie dello Stato avvia l’iter per le assunzioni. Diverse le posizioni aperte.  Quali sono le ricerche del Gruppo Ferrovie dello Stato per il mese di giugno 2018? Quali i ruoli ricercati da Trenitalia? Ecco tutto quello che c’è da sapere sulle posizioni aperte e le ricerche in corso nella sezione “Lavora con noi”. 

Leggi anche: Tutte le offerte di lavoro con UrbanPost

Assunzioni Ferrovie dello Stato giugno 2018: opportunità per diplomati e laureati

Ecco tutte le posizioni aperte in Ferrovie dello Stato per giugno 2018:

Progettista Armamento
 Esperto Progettazione Stazioni
 Requirements and Configuration Manager
 System Assurance Manager
 Ragionieri e Geometri
 Tunnel Engineer
 Progettista MEP
 Progettista Trazione Elettrica
 Esperto Servizi Intermodali
 Architectural Designer and Client Interface
 Referente Tecnico di Offerta
 Progettista Tracciati Ferroviari

Ferrovie dello Stato febbraio 2018 lavora con noi

Assunzioni Ferrovie dello Stato giugno 2018: ragionieri e geometri

Il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane ricerca per le sedi di Roma, Napoli, Verona e Firenze di Ferservizi S.p.A.:

  • Ragionieri da inserire nella gestione dei processi amministrativi legati a contabilità, tesoreria, adempimenti fiscali, gestione cartelle esattoriali, amministrazione del personale, ecc;
  • Geometri da inserire nei processi di gestione catastale, tutela giuridica ed amministrativa degli immobili, gestione tecnico amministrativa di contratti di locazione immobiliare, aggiornamento banche dati per la gestione della fiscalità immobiliare, gestione delle manutenzioni ordinarie e straordinarie relative a immobili e conduzione impianti, ecc.

L’inserimento avverrà con contratto a Tempo Indeterminato e la domanda scadrà 30 giugno 2018.

Leggi anche: Tutte le offerte di lavoro di Ferrovie dello Stato per giugno 2018

Assunzioni Ferrovie dello Stato giugno 2018

Il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane ricerca 2 Referenti Tecnici di Offerta da inserire presso l’Unità Organizzativa Coordinamento No Captive e Ingegneria di Sistema di Italferr S.p.A.Le risorse dovranno svolgere le seguenti attività:

  • Effettuare l’analisi della documentazione di Gara (RFP, ToR, etc) finalizzata alla comprensione dello Scopo del Lavoro e delle necessità del Cliente, della tipologia dei servizi da erogare e alla valutazione delle possibili modalità di sviluppo delle attività richieste.
  • Garantire la valorizzazione economica dei servizi e della redazione della Documentazione Tecnica di Offerta.
  • Sviluppare il preventivo dei costi di ingegneria per le attività richieste.
  • Fornire il supporto tecnico ai Proposal Manager e agli Area Manager a partire dalla fase di scouting/prequalifica passando per la redazione, chiusura e/o presentazione dell’offerta (sia su mercato Italia che per progetti internazionali).
  • Assicurare al Responsabile della struttura il monitoraggio delle iniziative commerciali assegnate (esito, benchmark risultati competitor, benchmark di area…).

Requisiti richiesti:

  • Conseguimento della laurea magistrale in Ingegneria Civile – l’Indirizzo Trasporti costituisce titolo preferenziale; saranno considerati un plus eventuali conseguimenti di Master, Dottorati e/o corsi specifici.
  • Esperienza di almeno 5 anni nella progettazione di infrastrutture ferroviarie e/o metropolitane; esperienza pregressa nello sviluppo e/o nel coordinamento di attività di progettazione di sistemi di trasporto.

Angelo Sanzio derubato, l’ex gieffino denuncia: “Mi hanno svuotato il conto mentre ero nella casa”

Pensioni 2018 quota 100 e quota 41: vantaggi e svantaggi della riforma previdenziale