di Antonio Paviglianiti in ,

Assunzioni Intesa Sanpaolo 2018: 1550 posti disponibili per giovani laureati (FOTO)


 

Assunzioni Intesa Sanpaolo 2018: 1500 posti di lavoro per giovani laureati e 9000 uscite, ecco tutte le novità in arrivo con il nuovo anno…

Assunzioni Intesa Sanpaolo 2018, il gruppo bancario ha raggiunto con le organizzazioni sindacali un accordo sugli esuberi, sulle uscite volontarie e sulle nuove assunzioni. Un accordo che prevede l’uscita volontaria di 9mila persone e l’assunzione di 1.550 giovani e che dovrebbe garantire risparmi nelle spese del personale complessivamente di circa 675 milioni di euro annui a regime, ossia dal 2021. L’intesa segue quanto già concordato dopo l’acquisizione dei rami di attività delle ex banche venete e prevede la disponibilità della banca ad accogliere tutte le domande di uscite volontarie pervenute, presentate da circa 7.500 persone nell’ambito del Fondo di Solidarietà con le ultime uscite previste entro il 30 giugno 2020.

Leggi anche: Tutte le news sul mondo del lavoro in Italia

Assunzioni Intesa Sanpaolo 2018: quali novità?

Il gruppo bancario Intesa Sanpaolo potrà così procedere a mille nuove assunzioni a tempo indeterminato e a 500 nuovi inserimenti con contratto misto, ossia contratto combinato tra rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato part time e rapporto di lavoro autonomo in capo alla stessa persona, per svolgere attività di consulente finanziario. Le assunzioni si vanno ad aggiungere alle 150 già concordate con i sindacati il primo febbraio 2017 e alle circa 100 assunzioni a tempo indeterminato rivolte ai tempi determinati in servizio nei rami di attività delle ex banche venete al 25 giugno 2017.

Intesa Sanpaolo 2018 uscite volontarie: le ultimissime

Le uscite volontarie complessive saranno pari a circa 9mila persone, di cui 1.500 provenienti da Intesa Sanpaolo che hanno già maturato i requisiti pensionistici entro fine 2018, mille provenienti dalle ex banche venete e 3mila da Intesa Sanpaolo nell’ambito del Fondo di Solidarietà entro il 30 giugno 2019 e 3.500 provenienti da Intesa Sanpaolo nell’ambito del Fondo di Solidarietà entro il 30 giugno 2020. L’accordo raggiunto tra Intesa Sanpaolo e i sindacati sulle uscite e le assunzioni “è un passo molto importante in vista del piano industriale che verrà presentato agli inizi del nuovo anno: le sfide che abbiamo di fronte sono di notevole complessità, siamo convinti che, nell’affrontarle, Intesa Sanpaolo si confermerà tra le migliori banche in Europa”, ha commentato il consigliere delegato e CEO di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina.Banca Intesa San Paolo lavora con noi 2016

Il differimento delle uscite fino al 30 giugno 2020 e la riduzione della permanenza media nel Fondo di Solidarietà, si spiega dalla banca, “consentono di ottimizzare gli oneri per le uscite volontarie previsti a carico del gruppo Intesa Sanpaolo da contabilizzare nel quarto trimestre 2017, che ammontano a circa 45 milioni di euro al netto delle imposte”.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook