in

Assunzioni Telecom 2018: in arrivo 2000 posti di lavoro ma contratto low-cost, i punti cardine (GUIDA)

Telecom Italia torna ad assumere. Splendida notizia per gli italiani in cerca di lavoro nel Bel Paese. Ma c’è un dato che preoccupa: le nuove posizioni aperte richiedono importanti specializzazioni ma in cambio di un salario minimo. Insomma, il piano assunzioni Telecom si livella con il mercato del lavoro italiano: un’alta specializzazione non corrisponde a un alto salario. Sono duemila i posti di lavoro che dovranno essere coperti a partire da giorno 1 luglio 2018. Vediamo nel dettaglio cosa bolle in pentola in casa Telecom.

Leggi anche: Tutte le offerte di lavoro con UrbanPost

Piano assunzioni Telecom 2018: 2000 giovani da “apprendistato”

Da Telecom, per il piano assunzioni 2018, sono pronti ad uscire 100 dirigenti (con uno stipendio medio lordo di ben 300 mila euro l’anno). Via altri 7.500 dipendenti con almeno 58 anni di età, 38 di anzianità aziendale e retribuzioni di tutto rispetto. Dentro, come neo assunti, 2000 giovani senza grandi pretese quanto al compenso. Il contratto di lavoro che sarà proposto al nuovo personale forza – lavoro sarà di apprendistato.

tim down oggi 14 maggio

Piano assunzioni Telecom 2018: quali specializzazioni?

Ma quali sono le specializzazioni ricercate dai vertici di Telecom per il nuovo piano assunzioni che partirà da luglio 2018? Come scrive La Repubblica bisogna avere un grado di competenze molto elevato poiché si ricercano:

  • big data scientist, big data analyst, sviluppatore di applicazioni, sviluppatore di software per servizi innovativi.
  • progettista di piattaforme di rete virtuali
  • progettista di reti di nuova generazione
  • specialista nell’assistenza al cliente via social

Piano assunzioni Telecom 2018: come sarà retribuito il nuovo personale?

Sempre secondo quanto riporta il quotidiano romano, a pagare queste 2000 nuove assunzioni di Telecom saranno i dipendenti attuali della stessa azienda che dovranno accettare una riduzione dell’orario di lavoro per 20 minuti giornalieri già a partire dal primo marzo del 2018. Il meccanismo è quello della “solidarietà espansiva”: chi è dentro guadagna meno, questi soldi intanto permettono le assunzioni (al via da luglio del 2018).

offerte di lavoro telecom

I numeri di Telecom per il 2018

Il piano della Telecom, dunque, prevede l’uscita di 7500 dipendenti e 2000 nuove assunzioni. Ecco altri numeri sulla vicenda:

  • 3,1 MILIARDI. E’ il costo del lavoro, tutto compreso, che l’azienda ha scritto nel suo bilancio del 2016.
  • UN MILIARDO. E’ il risparmio che Telecom ricaverà ogni anno, secondo i calcoli dei sindacati, dall’addio dei 7500 lavoratori.
  • 489 MILIONI. E’ il risparmio che Telecom ricavò nel 2016 (rispetto al 2015) sul costo del lavoro, anche grazie ai contratti di solidarietà.
  • 700 MILIONI. Questo il costo che l’azienda sopporterà per il suo ultimo piano (2018), anche per finanziare gli esodi volontari incentivati.
  • 28. Le mensilità massime che un lavoratore riceverà, oltre alla liquidazione, se accetta di andare via volontariamente.
  • 2500. Le persone che – si stima – andranno via con gli incentivi e volontariamente (su un totale di 7500), entro tre anni.

governo news oggi

Elezioni 2018, Di Maio al Corriere della Sera apre al dialogo: “Disponibili al confronto, DEF tappa cruciale”

Francesco Monte Isola dei Famosi 2018

Francesco Monte e Paola Di Benedetto: le parole dell’ex naufrago e le speranze per il futuro