di Sabina Schiavon in

Asteroide Florence, il mega corpo celeste pronto a sfiorare la Terra: ecco come osservarlo


 

Il mega asteroide Florence sfiorerà la Terra nella giornata di domani, 1 settembre: ecco come osservarlo e/o seguire la diretta del suo passaggio

asteroide florence

L’asteroide Florence è pronto a “sfiorare” la Terra. Dopo l’attesissima eclissi totale solare che si è verificata lo scorso 21 agosto, i cieli ci regalano ancora un evento da non perdere assolutamente. Anche in Italia, infatti, sarà possibile osservare il passaggio del corpo celeste con strumentazioni del tutto comuni. Ci teniamo però a ricordare che, nonostante sia il più grande di quelli che passano vicino al nostro pianeta dal 1898, l’asteroide non causerà alcun tipo di problema.

Ma come osservare l’asteroide Florence che è pronto a passare sopra le nostre teste? Il corpo celeste sarà visibile semplicemente con un binocolo da 50mm di diametro. All’Ansa, Gianluca Masi – astrofisico del Virtual Telescope – ha inoltre spiegato che “Sarà possibile vederlo in direzione Sud tra le stelle dell’Acquario mentre, sfrecciando alla velocità relativa alla Terra di 13,5 chilometri al secondo, si dirige verso Nord, per attraversare le costellazioni di Delfino, Volpetta e Cigno”. Per i più curiosi o per chi proprio non riesce ad attendere, segnaliamo che sul sito stesso del Virtual Telescope è possibile seguire la diretta del passaggio dell’asteroide: solo alle 14.06 (ora italiana) di domani, 1 settembre, Florence toccherà il punto di minima distanza dalla terra, 7 milioni di chilometri.


L’asteroide Florence – sebbene non sia pericoloso – rappresenta il corpo celeste più grande tra quelli che hanno “sfiorato” la Terra dal 1898 ad oggi. Il corpo celeste misura infatti 4,3 chilometri di diametro ma, nonostante questo, “La distanza del passaggio è di assoluta sicurezza: equivale a ben 18,4 volte la distanza della Luna” – spiega ancora all’Ansa Gianluca Masi.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...