di Redazione in ,

ATM assunzioni 2017: offerte di lavoro per autisti e nel settore dei trasporti


 

Nuove offerte di lavoro da ATM in vista delle assunzioni per il 2017: ecco come candidarsi

atm assunzioni 2017

Siete alla ricerca di un impiego? Le nuove assunzioni ATM di questo 2017 potrebbero fare al caso vostro. L’ Azienda Trasporti Milanesi, infatti, è alla ricerca sia di autisti sia di figure da inserire nel proprio organico come esperti nel settore dei trasporti. Ecco allora tutti i dettagli ma anche le modalità per inviare la propria candidatura.

==> CLICCA QUI PER TUTTE LE ULTIME OFFERTE DI LAVORO

Nuove assunzioni da ATM, l’Azienda Trasporti Milanesi nonché leader nel settore dei trasporti. L’azienda è alla ricerca sia di autisti sia di esperti da inserire nel proprio organico: non è però da escludere anche la possibilità di inviare il proprio CV per la candidatura spontanea. Entrando però nel dettaglio, ATM cerca conducenti di linea da assumere con contratti a tempo indeterminato: per candidarsi è necessario essere in possesso di patente D o DE, carta di qualificazione del conducente per il trasporto di persone (CQC) ma anche disponibilità a lavorare su turni.

==> LAVORARE IN SVEZIA: TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE

Le offerte di lavoro ATM, in vista delle assunzioni per questo 2017, non riguardano solo autisti bensì anche giovani professionisti da inserire nel gruppo: ai candidati è richiesto essere preferibilmente in possesso di laurea in Scienze della Comunicazione, Filosofia, Giurisprudenza , Scienze Politiche o Economia e Commercio. Tra le offerte di lavoro ATM attualmente disponibili, infine, segnaliamo anche quella per un responsabile dell’armamento ferroviario: a questa figura è richiesta una laurea in ingegneria ma anche pregressa esperienza nel settore. Per candidarsi e consultare tutte le offerte di lavoro disponibili, consultare la pagina “Lavora con noi” del sito ufficiale ATM.

Credit: Wikimedia.org

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook