di Elisa Genua in , ,

Attacco Londra Parlamento: Facebook attiva la funzione “Stai bene?”


 

Come sapere se parenti e amici residenti a Londra stanno bene? Ecco la funzionalità attivata da Facebook “Stai bene?” durante l’attacco al Parlamento

facebook

Quando si fiuta o semplicemente viene segnalato un attentato terroristico anche Facebook si attiva con la funzionalità “Stai bene“. Il social network si attiva per far sapere ai suoi utenti quando è a rischio la vita di persone e sono in corso disastri naturali da qualche parte nel mondo. È successo con il terremoto in Umbria e nel Centro Italia, ora accade ancora una volta più a nord, in Inghilterra dove, alle 15.30 italiane, un suv è entrato nel cortile del Parlamento dopo essere piombato sulla folla.
Al momento si parla di un ferito all’interno dell’edificio, un poliziotto accorso per fermare l’uomo che è stato colpito a morte dagli agenti presenti durante il presunto attentato.

>> SEGUICI SU FACEBOOK, METTI MI PIACE SU URBANPOST TECH <<<

Gli ultimi aggiornamenti ci indicano anche che l’artefice del colpo è un uomo dai tratti orientali. Scotland Yard ha individuato tre morti e diversi feriti in condizioni gravissime. Secondo la ricostruzione della Polizia londinese, l’uomo è sceso dall’auto afferrando un coltello e si è fatto largo tra gli agenti accorsi per fermarlo.

Una pioggia di commenti su Facebook aggiornano di minuto in minuto la situazione. Molti gli utenti italiani nella capitale inglese che “confermano di stare bene durante L’attentato presso Westminster“. Quello che si legge inoltre nel post serve a effettuare richiesta per controllare lo stato delle persone residenti a Londra: “L’attentato presso Westminster: Puoi controllare i tuoi amici presenti nell’area interessata o confermare che stai bene usando “Stai Bene? Dillo a Facebook“. Per ulteriori informazioni sul servizio attivato dal social network basterà visitare la pagina dedicata al seguente indirizzo.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanTech

Leggi anche

Commenta via Facebook