di M.B. Michela in , ,

Avvelenati da tallio news, arrestato nipote 27enne: voleva sterminare tutta la famiglia


 

Avvelenati da tallio news, arrestato nipote 27enne: voleva sterminare tutta la famiglia. Avrebbe agito premeditatamente, i dettagli

AVVELENATI DA TALLIO ARRESTATO NIPOTE

Nova Milanese famiglia avvelenata dal tallio news, svolta nelle indagini: arrestato all’alba di oggi, giovedì 7 dicembre, dai carabinieri di Desio, in Brianza, Mattia Del Zotto, ritenuto il responsabile del triplice omicidio dei nonni e di una zia, morti per avvelenamento da tallio lo scorso ottobre.

Avvelenati da tallio, parole sconvolgenti del 27enne arrestato: “Ho fatto quello che andava fatto”

Al 27enne viene contestato anche il tentato omicidio di altre 5 persone – tutti membri della sua famiglia –  ovvero i nonni materni, il marito della zia deceduta, un’altra zia e una badante dei nonni paterni, ancora ricoverati in ospedale. Secondo la procura che indaga da mesi, si tratterebbe di omicidi premeditati. Le manette per il 27enne sono scattate questa mattina, su disposizione del Gip del Tribunale di Monza. L’accusa per l’indagato è di omicidio volontario e tentato omicidio. Le vittime del presunto autore dell’avvelenamento da metallo pesante sono il nonno Giovanni Battista Del Zotto, 94 anni, e gli zii Patrizia Del Zotto, 62 anni, e Maria Gioia Pittana, di 88 anni.

FAMIGLIA AVVELENATA DAL TALLIO TUTTE LE NEWS SUL CASO

Alla svolta si è arrivati dopo che mercoledì scorso gli inquirenti avevano identificato l’origine del tallio in una tisana non commerciale custodita in una terrina trovata nella casa delle vittime. Nel prodotto erano state trovate tracce della sostanza in quantità superiore alla soglia minima di sicurezza. La bevanda è stata trovata dagli inquirenti nella casa di Alessio Palma e Maria Lina Pedon, coniugi ultraottantenni che sono ricoverati in ospedale da diverso tempo. Sul caso la Procura di Monza aveva aperto un fascicolo per omicidio colposo contro ignoti.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook