in

Avvocati parametri forensi 2018, tutte le novità in Gazzetta Ufficiale: cosa cambia

Novità importanti in arrivo per gli Avvocati di Italia. I legali del Bel Paese da oggi, 27 aprile 2018, recepiscono e ricevono i nuovi parametri forensi pubblicati in Gazzetta Ufficiale nella giornata di giovedì 26. Dunque, con la pubblicazione del decreto del Ministro della giustizia 8 marzo 2018 n. 37, in Gazzetta Ufficiale del 26.4.2018 n. 96, si è conclusa l’iter procedurale per la rimodulazione biennale dei parametri prevista dall’art.13, comma 6, della l.31.12.2012 n. 247. Cosa cambia? Quali sono le novità per gli avvocati? Ecco tutto quello che c’è da sapere per gli studi legali italiani e i nuovi parametri forensi.

Leggi anche: Tutte le novità con UrbanPost

Avvocati parametri forensi 2018: liquidazione dei compensi

Per la liquidazione dei compensi agli avvocati, resta in vigore quella vigente quando si è esaurita la prestazione professionale. I nuovi parametri del dm n. 37 del 2018 sono da applicare, quindi, per le liquidazioni giudiziali che intervengano in un momento successivo alla data di entrata in vigore del decreto medesimo. Le disposizioni del “nuovo” decreto si applicano alle liquidazioni successive alla entrata in vigore del medesimo decreto, e si riferiscono al compenso spettante al professionista che a quella data non ha ancora completato la propria prestazione professionale, ancorché tale prestazione abbia avuto inizio e si sia in parte svolta quando ancora era in vigore la precedente normativa parametrica o la previgente tariffa forense. È vietato al giudice la liquidazione del compenso professionale sotto una soglia numerica minima.

Avvocati parametri forensi 2018: il legale ‘telematico’

Altra novità prevista dal nuovo decreto sui parametri forensi 2018, introdotta a seguito del parere delle Commissioni parlamentari sullo schema di decreto trasmesso dal Ministro della Giustizia, è la previsione di un aumento dei compensi per l’avvocato “telematico”. Come riporta Quotidiano Giuridico, infatti, è stato introdotto all’art.4 il comma 1-bis, il quale statuisce che il compenso determinato tenuto conto dei parametri generali di cui al comma 1 del regolamento, è di regola aumentato del 30 per cento quando gli atti depositati con modalità telematiche sono redatti con tecniche informatiche idonee ad agevolare la consultazione o la fruizione e, in particolare, quando esse consentono la ricerca testuale all’interno dell’atto e dei documenti allegati, nonché la navigazione all’interno dell’atto.

Leggi anche: Leggi la guida completa ai Parametri Forensi 2018 per gli Avvocati 

Ultimi sondaggi elettorali, Istituto Piepoli: percentuali dei partiti se si votasse oggi

Ultimi sondaggi elettorali: percentuali dei partiti al 27 aprile 2018

Governo news, Salvini annuncia: “Berlusconi? Non lo lascio”