in

Ballarò torna stasera: ospiti Grasso, Lorenzin e Tinagli. Le anticipazioni

Si parlerà di fisco, pensioni e soprattutto di elezioni nella prima puntata del 2013 di Ballarò, la fortunata trasmissione settimana di mamma Rai. Che risponde così allo “strapotere” nei settori dell’informazione e dell’approfondimento di La7, anche ieri in anticipo rispetto ai concorrenti facendo ripartire la nuova stagione di PiazzaPulita (anticipato al lunedì al posto di un “epurato” Gad Lerner).

Piero Grasso Candidato col Pd

In studio, ospiti di Giovanni Floris, ci saranno Piero Grasso, procuratore nazionale antimafia e candidato del Partito Democratico alle prossime elezioni politiche (ormai alle porte). Insieme a lui l’esponente del Popolo della Libertà, Beatrice Lorenzin, e l’economista di Italia Futura, Irene Tinagli, che sono frequentemente in trasmissione.

Parteciperanno anche il Presidente di UnionCamere, Ferruccio Dardanello, la segretaria confederale della CGIL, Elena Lattuada, e il genetista Edoardo Boncinelli, oltre ai giornalisti Marcello Sorgi (La Stampa) e Gianantonio Stella (Corriere della Sera).

In chiusura, come sempre, i sondaggi di Nando Pagnoncelli dell’Ipsos, mentre la copertina satirica sarà affidata, come ormai d’abitudine, al comico genovese Maurizio Crozza.

Written by Gianluca Capiraso

30 anni, nato ad Avellino e residente a Milano. Esperto di web marketing, innamorato della "Seo", blogger e giornalista pubblicista dal 2000. Attualmente è Seo&Sem Manager in Tonic e Seo&Content Manager in Xool, due giovani e dinamiche web companies in forte crescita. Oltre alla passione per il calcio, ed in particolare per il "suo" Avellino, e per la politica,soprattutto come anti-DeMitiano, dedica il suo tempo alla produzione di contenuti per poi vederli ai primi posti dei risultati di ricerca di Google. #sonosoddisfazioni

Alessandro Cosimi Sindaco LIvorno Calo Popolarità

Livorno, consensi a picco per il Sindaco Cosimi: 94° su 101

Sondaggi Elezioni Politiche 2013 Senato

Sondaggi elezioni politiche 2013: Lombardia e Sicilia decisive