in

Belgio, sparatoria a Liegi: morti due poliziotti e un passante, killer ucciso dalla polizia

Belgio, sparatoria a Liegi: uccisi due poliziotti e un passante, neutralizzato attentatore. Ancora sporadiche le informazioni dal luogo dell’attentato. Prima di essere ucciso il killer avrebbe sequestrato una donna e si sarebbe asserragliato in un ufficio. Momenti drammatici in cui hanno perso la vita due poliziotti e un passante.

Potrebbe interessarti anche: Strage di Francavilla news: cocaina nell’auto di Filippone, ha drogato la figlia prima di ucciderla?

Il killer, secondo quanto riportano i media belgi, è stato “neutralizzato”. Prima di essere ucciso l’uomo avrebbe sequestrato una donna e si sarebbe asserragliato in un ufficio. L’attentatore durante l’attacco secondo quanto trapela avrebbe urlato “Allah Akbar!”. L’uomo, che aveva preso in ostaggio una donna, è stato poi ucciso dalle forze dell’ordine intervenute sul posto. Secondo le prime ricostruzioni l’attentatore era stato fermato per un controllo di routine davanti al liceo Léonie de Waha. Quando due agenti gli si sono avvicinati, l’uomo sarebbe riuscito a disarmare uno dei due e ad aprire il fuoco. Successivamente ha preso in ostaggio la donna delle pulizie, che si trovava all’ingresso dell’edificio, e sarebbe rimasto chiuso con lei nella hall del liceo prima di essere neutralizzato dalle forze dell’ordine e ucciso. Fortunatamente la donna presa in ostaggio non ha riportato ferite ed è stata messa in salvo e al sicuro.

Il fatto si è verificato intorno alle 10:30 di oggi, martedì 29 maggio, quando testimoni hanno segnalato alle forze dell’ordine di avere udito colpi di arma da fuoco nel centro di Liegi, all’altezza del Cafè des Augustins, nell’omonima strada.

Fedez Ferragni nuova casa Milano

Fedez Ferragni nuova casa a Milano: le prime immagini del super-attico di CityLife

Antonio Razzi si candida con la Lega di Salvini: “Riapriremo le case chiuse”