in

Bergamo zio pedofilo arrestato: quello che per 5 anni ha fatto alla nipotina è indicibile

Bergamo: zio pedofilo arrestato. Si tratta di un uomo di 43 anni, italiano e incensurato, arrestato dai carabinieri di Treviglio con l’accusa di atti sessuali con minorenni aggravati e continuati. I fatti contestati risalgono ad un lungo periodo che va dal 2012 e il 2016, durante il quale l’indagato avrebbe abusato ripetutamente della nipote, che oggi ha 15 anni, quando la bambina aveva tra i 9 e i 12 anni, approfittando dei periodi in cui la bimba era in vacanza con lui. All’alba di oggi, domenica 25 marzo, i Carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare applicativa del carcere nei confronti dell’uomo che di professione fa l’autista e risiede a Dalmine (Bergamo).

frlì ragazza bielorussa chernobyl violentata e derubata

Il soggetto accusato dell’orrendo crimine, perpetrato ai danni della giovane vittima per così lungo tempo, è sposato e padre di due bambini piccoli. L’ipotesi di reato contestata dalla magistratura è di atti sessuali aggravati e continuati. Dalle carte dell’inchiesta si fa riferimento a più di un episodio a riprova dei presunti abusi sessuali; nello specifico fatti accaduti quando la bambina era ospite dello zio oppure in vacanza con la famiglia dello stesso. L’uomo avrebbe approfittato dell’assenza della moglie o di altri familiari per abusare della bambina e poi intimarle di tenere il segreto e non dire mai niente a nessuno.

Potrebbe interessarti anche: Prato, Sergio Russo scomparso 3 anni fa: trovati i suoi resti, ecco quando e dove

BERGAMO ZIO PEDOFILO

Non solo, si sarebbe spinto anche oltre offrendo qualche euro alla bambina per comprare il suo silenzio. La vittima divenuta adolescente ha iniziato a prendere consapevolezza dell’orrore subito e a prendere gradualmente le distanze dallo zio, evitando almeno degli incontri ‘a rischio’. La vicenda si tinge di orrido anche per via di agghiaccianti particolari emersi dalle indagini: lo zio pedofilo avrebbe detto alla nipote che se avesse fatto l’amore con lui, quando in futuro avrebbe avuto il fidanzato non avrebbe avuto paura di farlo. Una scabrosa verità che è emersa grazie a un’insegnante della ragazza abusata con cui la ragazzina si era confidata dopo il consiglio di un’amichetta di classe che l’aveva convinta a parlarne con qualcuno. Dopo la denuncia della docente sono partite le indagini che hanno consentito di fare luce sulla squallida e orribile vicenda. La 15enne è stata sottoposta ad audizioni protette eseguite con figure professionali specializzate nominate dalla Procura che si sta occupando del caso.

 

Monteferrato trovati resti umani

Prato, Sergio Russo scomparso 3 anni fa: trovati i suoi resti, ecco quando e dove

pescara alessandro neri news

Omicidio Alessandro Neri news: cancellò dati dal pc, perché?