di Andrea Monaci

Berlusconi: “Avremo il 40 per cento” Ma i Sondaggi lo danno al 23


 

Un Cavaliere a tutto campo ospite di Bruno Vespa a Porta a Porta ha dapprima gelato i moderati, bollando Casini e Fini come “Orridissimi”, poi ha chiesto una settimana in più per la campagna elettorale

Silvio Berlusconi Decadenza da Senatore

A Pierferdinando Casini e a Gianfranco Fini fischieranno ancora le orecchie per quell’appellativo di “orridissimi” che Silvio Berlusconi ha appioppato loro stasera, in diretta Tv, davanti a milioni di italiani. Ospite del salotto di Bruno Vespa,  come ai tempi del famigerato “contratto con gli italiani”, il Cavaliere non è stato tenero con gli ex alleati, accusati di aver fatto tramontare ancor prima della sua nascita l’ipotesi Monti alla guida dello schieramento moderato. Ma è soprattutto l’orridissimi affibbiato al duo Casini-Fini ad aver fatto “bucare” lo schermo all’ex-premier, tanto che anche su Twitter l’hashtag #portaaporta è decollato come mai.

Fini Casini Orridissimi Secondo BerlusconiMa tra le molte cose dette e risapute, suona nuova la richiesta di non affrettare i tempi delle elezioni: a sorpresa Berlusconi, dopo aver ipotizzato (e mai escluso definitivamente) la sua candidatura, ha bisogno di più tempo per mettere a punto la nuova creatura ibrida, tra Pdl e Forza Italia, e convincere la Lega a sostenerlo anche nel caso si candidi lui in prima persona. “Puntiamo al 40% dei voti” ha detto, ma gli ultimi sondaggi, tra cui quello di Ipsos pubblicato ieri, danno la colazione PDL, Lega, Destra e altri ad un misero 23,5%, contro un ben più corposo 45,5% del Centro Sinistra (PD, SeL, Di Pietro, Rifondazione).

Per vincere Berlusconi ha bisogno di più tempo, ecco spiegati i tentennamenti sull’approvazione della Legge di Stabilità: tattica dilatoria per posticipare lo scioglimento delle camere e garantire le elezioni l’ultima settimana di febbraio o la prima di marzo.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Correlati

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...