in

Bibione, prima le spia sotto la doccia poi le molesta: cameriere arrestato

Una brutta vicenda di cronaca si è consumata in una delle più belle località balneari del Triveneto, Bibione. Un cameriere è finito in manette per avere prima spiato e poi molestato due ragazze diciottenni, anch’esse cameriere, nell’albergo in cui soggiornava temporaneamente. Il fermato è un 21enne di nazionalità albanese, con regolare permesso di soggiorno. Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, il primo episodio risalirebbe a giovedì scorso quando il giovane si sarebbe introdotto nella camera di una 18enne mentre quest’ultima stava facendo la doccia. La ragazza non avrebbe chiuso la porta a chiave e il 21enne è riuscito a entrare indisturbato. Una volta dentro si è fiondato su di lei palpeggiandola. A ciò si sarebbero aggiunti atteggiamenti inequivocabili, con l’obiettivo di consumare un rapporto sessuale. La ragazza avrebbe quindi cercato di respingere l’intruso, mettendosi ad urlare chiedendo aiuto, mettendo in fuga il 21enne.

Il secondo episodio di molestie si è consumato invece nella giornata di sabato: la vittima delle attenzioni morbose del giovane cameriere stagionale sarebbe stata un’altra cameriera diciottenne, alloggiata nella stessa camera dell’altra ragazza. Identica anche la modalità di “abbordaggio”: il giovane albanese si sarebbe prima introdotto nella camera della giovane per spiarla mentre stava facendo la doccia e poi avrebbe cercato di abbordarla. Stessa reazione anche in questo caso da parte della ragazza che si sarebbe messa ad urlare, mettendo in fuga l’importunatore.

Bibione, prima le spia sotto la doccia poi le molesta: cameriere arrestato

Il 21enne è stato quindi fermato nella giornata di ieri. Come riferito Carabinieri nella struttura ci sono numerose camere, alcune delle quali con bagno in comune. Per il 21enne non sarebbe stato difficile intrufolarsi in entrambe le circostanze, approfittando dell’accesso ai servizi lasciato aperto.

(foto: Wikimedia Creative Commons – Wolfgang Moroder)

omicidio noemi durini

Omicidio Noemi Durini, nuovi guai per Fausto Nicolì: il meccanico di Patù è stato denunciato

«Taglio dei vitalizi una vergogna e rischioso per la democrazia»: l’attacco di Sposetti, ex tesoriere dei DS