di Andrea Monaci in ,

Bollo auto prescrizione: novità dopo sentenza della Cassazione


 

Ci sono novità importanti per gli automobilisti che hanno problemi con il bollo auto arretrato: dopo una sentenza della Cassazione chiariti i termini di prescrizione, entro cui è esigibile il pagamento

bollo auto prescrizione sentenza cassazione

La prescrizione per il bollo auto, la tassa per il possesso dell’automobile, resta di tre anni su tutto il territorio nazionale. La Cassazione con la sentenza 20425/2017 boccia definitivamente il tentativo di alcune regioni di recuperare la tassa automobilistica, per cui sono stati inviati gli avvisi di accertamento ma non le cartelle esattoriali, entro i 10 anni dall’anno fiscale di competenza del tributo.

Bollo auto prescrizione: la cartella deve essere notificata entro i tre anni

La Cassazione ha messo una pietra tombale sulla pretesa di alcune regioni di recuperare bolli mai pagati e per cui mai sono state notificate cartelle di pagamento entro il termine di esigibilità del tributo, quindi tre anni. In particolare, la sentenza 20425/2017 ha stabilito che vale anche per la tassa automobilistica la pronuncia delle Sezioni unite (sentenza 23397/2017) che aveva già escluso la prescrizione decennale per le cartelle di pagamento relative a contributi previdenziali.

bollo auto prescrizione nuove norme

Con la sentenza 23397/2016 le Sezioni unite della Cassazione hanno infatti stabilito il principio secondo cui «la scadenza del termine perentorio per opporsi o impugnare un atto di riscossione…produce soltanto l’effetto della irretrattabilità del credito» e non anche quello della conversione del termine di prescrizione breve eventualmente previsto dalle norme sulla materia cui si riferisce il pagamento. Ciò significa che la pronuncia delle Sezioni unite è applicabile anche al bollo auto, almeno secondo la sentenza 20425/2017 depositata lo scorso 25 agosto dalla sesta sezione Tributaria.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...