di M.B. Michela in ,

Bologna cadavere in autostrada: è di un 26enne, la terribile ipotesi della polizia


 

Bologna cadavere in autostrada: è di un 26enne, la terribile ipotesi della polizia. Il ritrovamento del cadavere sull’autostrada A14, tra i caselli di Imola e Castel San Pietro Terme

BOLOGNA CADAVERE IN AUTOSTRADA

Bologna, un cadavere in autostrada è stato rinvenuto intorno alla mezzanotte: il ritrovamento sull’autostrada A14 tra i caselli di Imola e Castel San Pietro Terme, in provincia di Bologna. Il corpo senza vita, stando alle informazioni emerse, apparterrebbe ad un 26enne di origine afghana. Il corpo si trovava sul ciglio della strada, nella carreggiata nord, e sarebbe stato segnalato alle autorità da un camionista che ieri notte si trovava a transitare a bordo del suo mezzo.

Dopo il suo allarme la polizia stradale è intervenuta sul posto, coadiuvata dai vigili del fuoco e carabinieri che hanno provveduto a rimuovere il corpo ed effettuare tutti i rilievi del caso. Il ragazzo indossava una maglietta a maniche corte nonostante le basse temperature e dei pantaloni. Aveva in tasca un foglio delle autorità greche che attestava la sua richiesta di ottenere lo status di rifugiato.

Potrebbe interessarti anche: Omicidio Sofiya Melnyk news: in un video il passaggio della sua auto, chi c’era alla guida?

Ignote al momento le cause del decesso del ragazzo, ma soprattutto la dinamica dei fatti. Tutto farebbe ipotizzare l’incidente stradale, ma tra le piste investigative al vaglio degli inquirenti ce n’è una a dir poco terribile, ovvero che il ragazzo possa aver viaggiato, nascosto, attaccato a un camion e che poi sia caduto accidentalmente, rimanendone travolto. Tuttavia le cose potrebbero essere andate diversamente: il 26enne potrebbe aver percorso a piedi quel tratto di autostrada e, non visto, urtato accidentalmente da un veicolo in transito che poi non si è fermato a soccorrerlo. Indagini in corso. Delle indagini sulla vicenda si sta occupando il pm Flavio Lazzarini di Bologna.

 

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook