di Stephanie Barone in

Bonus acquisto strumenti musicali 2017: la guida dell’Agenzia delle Entrate sullo Stradivari


 

Dall’Agenzia delle Entrate è arrivata la guida per poter accedere al Bonus acquisto strumenti musicali 2017: ecco chi può accedere e come richiedere lo Stradivari.

bonus acquisto strumenti musicali 2017, bonus strumenti musicali 2017, bonus stradivari 2017, bonus acquisto strumenti musicali 2017 agenzia delle entrate,

Bonus acquisto strumenti musicali 2017: cos’è e come funziona lo Stradivari

L’Agenzia delle Entrate ha reso noto che sarà attivo anche per quest’anno il Bonus acquisto strumenti musicali nuovi, il cosiddetto “Bonus Stradivari”. Questa agevolazione pensata per gli studenti delle scuole di musica permette loro di acquistare uno strumento musicale nuovo, in linea con il proprio percorso di studi ad un prezzo ridotto.  Il contributo spetta per gli acquisti effettuati nel 2017 per un importo non superiore al 65% del prezzo finale, per un massimo di 2.500 euro. Con il bonus Stadivari, operativo dal 20 aprile 2017, gli studenti potranno accedere ad un fondo di 15 milioni di euro messi a disposizione con la Legge di Bilancio 2017.

“Come già nel 2016″ ha spiegato il deputato Raffaello Vignali, promotore dell’iniziativa, “il bonus sarà utilizzato dagli studenti nella forma di uno sconto sul prezzo di acquisto, dietro presentazione di un certificato rilasciato dal conservatorio/liceo di appartenenza, il cui valore verrà recuperato da produttori e rivenditori con un credito di imposta sulle tasse da versare allo Stato, quindi senza anticipi da parte dello studente. Un sistema veloce e trasparente che premia gli studenti e sosterrà tante imprese artigiane del settore. Infatti i 15 milioni di euro del plafond disponibile contribuiscono alla crescita del fatturato degli strumenti musicale per oltre il 5%”. Insomma un beneficio per le famiglie ma anche per le imprese di questo settore. Come funziona però il Bonus acquisto strumenti musicali 2017?

=> Volete essere sempre aggiornati? Seguiteci anche sulla nostra pagina Facebook!

Bonus acquisto strumenti musicali 2017: chi può farne richiesta

La prima cosa da chiarire sul Bonus acquisto strumenti musicali 2017 è chi può farne richiesta. Come spiega l’Agenzia delle Entrate, lo Stradivari è pensato per gli studenti iscritti ai licei musicali, corsi preaccademici, corsi del precedente ordinamento e corsi di diploma di I e di II livello dei conservatori di musica, degli istituti superiori di studi musicali e delle istituzioni di formazione musicale e coreutica autorizzate a rilasciare titoli di alta formazione artistica, musicale e coreutica. Nel provvedimento dell’Agenzia, disponibile a questo link, sono elencati tutti gli istituti musicali per i cui iscritti è possibile fare richiesta dello Stradivari. Gli studenti per poter accedere al bonus devono essere in regola con i pagamenti delle tasse scolastiche.

=> Scoprite tutte le agevolazioni famiglia 2017!

Bonus acquisto strumenti musicali 2017: cosa devono fare gli studenti e i rivenditori

Come possono però gli studenti accedere al Bonus acquisto strumenti musicali 2017? Quali i documenti necessari per farne richiesta? Lo studente, prima di andare a procedere all’acquisto presso un rivenditore specializzato, dovrà richiedere presso il proprio istituto un certificato di iscrizione che riporti alcuni dati principali (cognome, nome, codice fiscale, corso e anno di iscrizione, strumento musicale coerente con il corso di studi) da consegnare al rivenditore all’atto dell’acquisto.

Cosa devono invece fare i rivenditori per poter godere del beneficio? Lo sconto fatto allo studente diventa per i rivenditori un credito d’imposta sulle tasse da versare allo Stato. Per questo motivo prima di concludere la vendita, l’esercente deve comunicare all’Agenzia il proprio codice fiscale, quello dello studente e dell’istituto che ha rilasciato il certificato di iscrizione, lo strumento musicale, il prezzo di vendita comprensivo del contributo e dell’imposta sul valore aggiunto. A quel punto il sistema telematico rilascerà una ricevuta attestante la fruibilità o meno del credito d’imposta in base ai fondi ancora disponibili in quel momento.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook