di mbarbie1970

Borsa Usa: i Futures Anticipano il Voto delle Elezioni Americane


 

I futures sugli indici di borsa USA sono in rialzo nella giornata delle elezioni americane, in cui i cittadini statunitensi daranno il loro voto per eleggere il presidente del paese. L’indice è in positivo da due sessioni consecutive.

Wall Street Speculazioni

L’indice S&P500 viaggia in territorio positivo di 4,4 punti base per la seconda sessione consecutiva, ed è rimasto ben al di sopra del “fair value”, una formula che valuta i prezzi tenendo conto dei tassi di interesse, i dividendi e il tempo mancante alla scadenza del contratto. Per quanto riguarda i futures sull’indice Dow Jones e sul Nasdaq sono in rialzo rispettivamente di 37 e 11,5 punti base.

I sondaggi hanno mostrato il presidente Barack Obama e lo sfidante repubblicano Mitt Romney in un testa a testa che sarà deciso da  una piccola manciata di voti. Un cambiamento di leadership politica potrebbe influenzare settori quali l’assistenza sanitaria,l’energia e il settore finanziario. Gli investitori rimangono alla finestra ad assistere alla gara tra il Senato e la Camera dei Rappresentanti, che avranno un impatto rilevante sulla “scogliera fiscale”, visti i 600 miliardi di dollari di tagli alla spesa e gli aumenti delle tasse che sono impostati per essere automaticamente attivati alla fine dell’anno, salvo eventuali accordi raggiunti tra il Congresso e la Casa Bianca. Le azioni Fossil Inc sono in ribasso del 5,4% a 89,01 dollari nelle contrattazioni di pre- apertura del mercato, dopo che il produttore di accessori per la moda ha comunicato un fatturato trimestrale inferiore al previsto a causa di un calo delle vendite in Europa sulla scìa di un dollaro più forte.

Futures Borsa New York

Il NYSE Euronext, il più grande mercato azionario del mondo, spera su un taglio dei costi per riuscire a compensare i livelli di negoziazione più bassi nel segno della crescente pressione sulle imprese commerciali più importanti del mondo. Le azioni della holding Express Scripts Co affondano del 14,9% al prezzo di 53,50 dollari per azione prima dell’immissione sul mercato, dopo che i benefici del gestore farmaceutico sui risultati previsti per il 2013, sono stati definiti dagli analisti “troppo aggressivi”, mettendo in dubbio le sue buone prospettive riguardanti i suoi 29 miliardi dollari per l’acquisto di Medco Health Solutions Inc. Secondo i dati dell’agenzia Thomson Reuters diramati all’inizio di questa settimana, delle 387 società dello S&P500 che hanno pubblicato bilanci in guadagno, il 61.8% ha superato le aspettative degli analisti di Wall Street, sostanzialmente in linea con la media del 62% calcolata dal 1994, mentre al di sotto della media sono il 67% delle trimestrali in relazione agli ultimi 4 trimestri.

Ma il fatturato aziendale ha deluso gli investitori con solo il 38,1% delle aziende che hanno superato le aspettative degli analisti, una percentuale ben al di sotto della media trimestrale del 62% dall’anno 2002 e la media del 55% nel corso degli ultimi quattro trimestri. Le borse asiatiche si sono stabilizzate, con gli investitori scettici sull’aprire nuove posizioni sui mercati in un contesto incerto dato dall’esito delle elezioni presidenziali americane riaccendendo forti dubbi sulla capacità di far passare le rigorose riforme fiscali in Grecia.

(foto: @Benjamin Dumas – flickr.com; @UrbanPost)

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Correlati

Commenta via Facebook

EDITORIALE

wickedin lavoro