in ,

Brasile, Cesare Battisti arrestato: stava cercando di fuggire in Bolivia

Brasile, Cesare Battisti arrestato. L’ex terrorista dei Nar è stato fermato nella città brasiliana di Corumbà, mentre cercava di fuggire in Bolivia. Secondo le prime indiscrezioni emerse, Cesare Battisti sarebbe stato fermato dalla polizia stradale federale durante un normale blitz.

Dopo essere stato condannato all’ergastolo in via definitiva per quattro omicidi commessi durante gli anni di piombo, l’ex terrorista nel 2010 aveva ottenuto lo status di rifugiato politico in Brasile dall’ex presidente della Repubblica, Luiz Inacio Lula da Silva. Il fermo mentre si trovava a confine tra Brasile e Bolivia.

—> TUTTA LA CRONACA SU URBANPOST, LEGGI 

L’Italia, dove Battisti è accusato di terrorismo, aveva chiesto la sua estradizione ma l’istanza era stata rigettata dal governo brasiliano di Lula. Il governo italiano di recente aveva chiesto a quello brasiliano di rivedere lo status di rifugiato politico concesso a Battisti; secondo i media locali l’istanza aveva ottenuto il consenso di due ministri del governo di Michel Temer.

>>> Pedofilo arrestato a Milano news: oggetti inequivocabili trovati nella sua abitazione <<<

Cesare Battisti le sue condanne

Battisti, 62 anni, in Italia è stato condannato in contumacia a quattro ergastoli, uno per ogni omicidio commesso negli gli anni di piombo. L’attuale presidente brasiliano, Michel Temer, si era espresso recentemente a favore dell’estrazione in Italia e lo scorso 27 settembre l’ex terrorista si era opposto a ciò presentando ricorso al Tribunale Supremo.

Era stato il quotidiano O Globo a riferire che il governo del premier Paolo Gentiloni aveva chiesto “in via confidenziale” a quello di Michel Temer di rivedere lo status di rifugiato politico in Brasile ottenuto da Battisti nel 2010, durante il governo Lula.

Rinfrescare casa con l’imbiancatura: le mansioni ed il costo di un imbianchino

Pensioni 2017 news: età pensionabile, ecco le categorie escluse dall'aumento

Pensioni 2017 news: approvata la nota di aggionamento del Def riparte il confronto sulla riforma