di Sabina Schiavon in , ,

Buondì Motta, la pubblicità fa infuriare il web: l’asteroide che colpisce i genitori non piace alla rete


 

Buondì Motta, la pubblicità scatena la bufera su Twitter: trovata di poco gusto o risultato perfettamente raggiunto?

buondì motta pubblicità

Non si placa la polemica dopo la messa in onda del nuovo spot pubblicitario del Buondì Motta. L’azienda, infatti, da qualche giorno ha lanciato la sua nuova campagna di marketing che, così come quella natalizia dedicata al Panettone che aveva fatto indignare i vegani, è stata capace di mandare su tutte le furie alcuni genitori. Altri, invece, tessono le lodi del pubblicitario… Ma chi ha ragione?

Se avete fatto un giro sul web in queste ultime 24 ore o avete acceso la TV, molto probabilmente sapete di cosa stiamo parlando. Per chi invece non si fosse ancora imbattuto nella nuova pubblicità del Buondì Motta, vi raccontiamo cosa è successo. L’azienda italiana, specializzata in prodotti dolciari, ha lanciato il suo nuovo spot pubblicitario: nei video – due differenti ma che seguono il medesimo fil rouge – si vede una bambina che chiede alla mamma e al papà una colazione golosa ma leggera. Entrambi i genitori, convinti dell’inesistenza di un prodotto del genere, esclamano “Possa un asteroide colpirmi subito!”: e l’asteroide non tarda ad arrivare, colpendo entrambi sotto gli occhi della bimba.

Il nuovo spot del Buondì Motta – che potete vedere nel video qui sopra – sembra però non essere piaciuto a molti. La polemica è ovviamente scoppiata in rete; su Twitter, infatti, in poche ore si sono moltiplicati i cinguettii che definivano orrenda la pubblicità. Qualcuno, addirittura, afferma che il proprio nipotino si rifiuti di mangiare i buondì poichè convinto che possa causare la morte dei genitori.

Non manca però chi dedica un plauso al pubblicitario, riuscito perfettamente nel tentativo di far parlare del suo spot. E voi cosa ne pensate?

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook