di Stephanie Barone in ,

Quando cambia l’orario? Ecco la data dell’ora legale 2017 e come spostare le lancette


 

Quando cambia l’orario 2017? Ecco la data per reimpostare l’ora legale e come spostare le lancette, se avanti o indietro.

quando cambia l'ora 2017, quando cambia l'orario, ora legale 2017, ora legale 2017 data, ora legale come spostare le lancette,

Quando cambia l’orario? Ecco la data per spostare le lancette sull’ora legale 2017

Come di consueto in questo periodo dell’anno, si avvicina la data prevista per il cambio dell’ora, per intenderci da orario invernale a orario estivo. Quando cambia l’orario quest’anno? La data prevista per il passaggio da ora solare (invernale) a ora legale (estiva) è stata fissata nella notte tra sabato 25 e domenica 26 marzo 2017, alle ore 2 di notte. Consci che è necessario ricordarsi di cambiare l’ora quella notte, cominciamo come di consueto a domandarci se le lancette a marzo vadano spostate in avanti oppure indietro e conseguentemente se, quel weekend di inizio primavera, dormiremo un’ora in più oppure un’ora in meno. In tanti infatti soffrono per diversi giorni del cambiamento dell’ora con scombussolamenti fisici e psicologici. Scopriamo quindi se con l’ora legale 2017 in arrivo si dormirà un’ora in più o in meno.

=> Volete essere sempre aggiornati? Seguiteci anche sulla nostra pagina Facebook!

Ora legale 2017 data: spostare le lancette avanti o indietro?

Come di consueto, nella data fissata per il cambio dell’orario e il passaggio da ora solare a ora legale, le lancette dell’orologio andranno spostate di un’ora avanti. Nella notte tra il 25 e il 26 marzo quindi alle 2 sarà necessario spostare direttamente alle 3 le lancette del proprio orologio. Conseguentemente è facile comprendere che, con il passaggio all’ora legale 2017, gli italiani dormiranno un’ora in meno rispetto al solito. Il cambio dell’ora nel weekend permetterà comunque alla maggior parte delle persone di recuperare un po’ di sonno la domenica mattina e arrivare un po’ meno scombussolati il lunedì mattina per andare al lavoro.

Non per tutti, comunque. In tanti infatti per qualche giorno soffrono di insonnia ma anche di sonnolenza durante il giorno, emicrania e, soprattutto nei bambini, è possibile vedere un po’ di agitazione. Malgrado questi fastidi il passaggio all’ora legale con l’arrivo della primavera e poi dell’estate è molto utile perché, allungandosi le giornate, è possibile godere di più luce naturale e quindi risparmiare sull’energia elettrica.

Ora legale 2017 data: perché spostiamo le lancette due volte l’anno?

Perché ogni anno siamo chiamati a spostare le lancette dell’orologio, indietro ad ottobre e in avanti a marzo? Il passaggio ora solare-ora legale è sostanzialmente una prassi che permette di sfruttare maggiormente le ore di luce naturale; sorgendo infatti prima nel periodo estivo il sole, sarebbe uno “spreco” di luce alzarsi la mattina come in inverno. In questo modo invece si cerca di sfruttare il più possibile la luce del sole e quindi di risparmiare sull’energia elettrica.

L’Italia adottò già a partire dalle due guerre mondiali una “bozza” di passaggio all’ora legale ma solo nel 1966 venne stabilita e regolamentata per la prima volta per legge. Inizialmente sfruttata solamente nel periodo tra maggio e settembre, con gli anni andò allargandosi la forbice dei mesi in cui gli italiani utilizzavano l’ora legale. Il periodo che va dalla fine di marzo alla fine di ottobre è infatti in vigore dal 1996 ma fu confermata a tutti gli effetti (con il cambio alle 2 di notte) solo con una direttiva UE del 2010.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook