di Michele Iacovone in , ,

Cancro alla prostata: i rapporti intimi diminuiscono i rischi, lo afferma uno studio


 

Il cancro alla prostata si può combattere con la prevenzione, in questo caso i rapporti intimi possono abbassare notevolmente i rischi, lo conferma uno studio scientifico

Cancro alla prostata, rapporti intimi riducono il rischio, lo conferma uno studio

Il cancro alla prostata può essere combattuto con i rapporti intimi, lo confermerebbe uno studio svolto da un team di ricercatori dell’Università di Harvard. Gli esperti statunitensi sostengono che masturbarsi per almeno 21 volte al mese prevenga la patologia. Il rischio, infatti, verrebbe ridotto di un terzo. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Scienze Notizie.

Gli scienziati, durante lo studio, hanno preso in esame un ampio campione di soggetti, circa 32 mila uomini, monitorandone le condizioni di salute per un lungo arco di tempo pari a 18 anni, osservando le condizioni di salute e le abitudini sessuali. In questo lasso di tempo, circa 4000 uomini si sono ammalati di cancro alla prostata e la maggior parte di loro aveva avuto solo 4 eiaculazioni al mese. Al contrario, nei soggetti che avevano l’abitudine a eiaculare almeno 21 volte al mese, il rischio è diminuito del 33 per cento.

Gli scienziati hanno considerato anche altre variabili, come il sovrappeso, la sedentarietà, l’alcol o il fumo. Per ora gli studiosi non hanno ancora compreso quale sia il legame tra numero di eiaculazioni al mese e cancro alla prostata, ma sembra che l’azione abbia effetti sulla percentuale di rischio. Saranno necessari ulteriori studi per poter approfondire il fenomeno e, magari, trovare la correlazione.

* Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook