di Antonio Paviglianiti in

Canone Rai 2017 esenzione: il 30 giugno la scadenza, ecco come fare domanda


 

Canone Rai 2017 esenzione: il 30 giugno termine ultimo per presentare domanda e non pagare il secondo semestre. Ecco le ultimissime e le info utili

Canone Rai

Canone Rai 2017 esenzione. I contribuenti devono prestare molta attenzione perché stiamo per entrare negli ultimi giorni utili affinché si possa richiedere l’esenzione dal pagamento dell’imposta presente in bolletta. Il 30 giugno, infatti, è prevista la scadenza per ottenere l’esonero del pagamento del secondo semestre. Ecco tutto quello che c’è da sapere sull’esenzione Canone Rai 2017 e su chi ne abbia diritto.

>>> Canone Rai in Bolletta: i numeri di quest’anno <<<

Canone Rai 2017 esenzione: le scadenze

Canone Rai 2017 esenzione, ci sono due scadenze da rispettare per la domanda di esenzione del Canone Rai da poter effettuare nell’arco dell’anno. Il 31 gennaio 2017 è stato il termine ultimo per dichiarare con autocertificazione, di non possedere un televisore e, quindi, non pagare il Canone Rai in bolletta per tutto il 2017. Adesso, invece, in questa seconda parte dell’anno la scadenza per la presentazione della domanda di esenzione dal pagamento del Canone Rai è il 30 giugno. Con questa dichiarazione l’utente sarà esonerato dal pagamento del Canone per il secondo semestre 2017.

>>> Canone Rai 2017: nuova dichiarazione per l’esenzione <<<

Come ottenere l’esenzione del Canone Rai 2017: dove e come presentare domanda

Come ottenere l’esenzione del Canone Rai 2017? La documentazione necessaria si dovrà presentare alla Agenzia delle Entrate. Per poter inviare il modello in via telematica basterà collegarsi sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate utilizzando le credenziali Fisconline o Entratel rilasciate dall’Agenzia, oppure tramite gli intermediari abilitati (CAF).

Per quanto riguarda l’invio cartaceo è prevista la presentazione del modello, insieme a un valido documento di riconoscimento, tramite servizio postale senza busta all’indirizzo: Agenzia delle Entrate Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti tv – Casella Postale 22 – 10121 Torino.

Un altro metodo, invece, è quello di rivolgersi presso il sito di Adusbef, ACU, Asso-Consum, Federconsumatori e Lega Consumatori, promotrici del Progetto “Canone in bolletta: scelta perfetta?”, dove sarà possibile ottenere informazioni ed assistenza ai cittadini tramite il numero verde dedicato 800660594 e presso gli sportelli sul territorio.

>>> Tutte le informazioni sul Canone Rai 2017 <<<

Canone Rai 2017 esenzione: la Dichiarazione Sostitutiva

Per dichiarare il non possesso dell’apparecchio TV e dunque ottenere l’esenzione del Canone Rai 2017 in bolletta,sia da parte dell’intestatario della fornitura di energia elettrica residenziale che da parte di un altro componente della stessa famiglia anagrafica,  l’utente deve presentare la dichiarazione sostitutiva, compilando il Quadro A del modello dedicato.

Con la compilazione del quadro B del modello, invece, è possibile segnalare che l’intestatario di un’utenza elettrica di tipo residenziale non è tenuto al pagamento del canone in quanto quest’ultimo viene già addebitato su un’altra fornitura intestata ad un altro componente della stessa famiglia anagrafica: di quest’ultimo deve essere fornito il codice fiscale.  Attenzione: non è più prevista la disdetta dell’abbonamento richiedendo il suggellamento dell’apparecchio tv.

Canone Rai 2017 esenzione: particolarità della Dichiarazione Sostitutiva

Attenzione, perché il modello di Dichiarazione Sostitutiva può essere utilizzato anche per:

  • segnalare che il canone è dovuto in relazione all’utenza elettrica intestata a un altro componente della stessa famiglia anagrafica del quale deve essere indicato il codice fiscale (Quadro B);
  • comunicare la modifica delle condizioni, precedentemente attestate, per esempio in caso di acquisto di un televisore nel corso dell’anno, avvenuto successivamente alla presentazione di una precedente dichiarazione sostitutiva, oppure nel caso in cui sia venuta meno la situazione di appartenenza alla medesima famiglia anagrafica precedentemente dichiarata mediante la compilazione del Quadro B (Quadro C);

Altra nota importante da prendere in esame, come riporta il sito dell’Agenzia delle Entrate:  “In caso di attivazione di nuova utenza di fornitura di energia elettrica da parte di soggetti che non siano già titolari di altra utenza residenziale nell’anno di attivazione, la dichiarazione sostitutiva di non detenzione va presentata entro la fine del mese successivo alla data di attivazione della fornitura per avere effetto a decorrere dalla data di attivazione della fornitura stessa.”

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook