di Michela Becciu in , ,

Caso Melania Rea, Salvatore Parolisi in lacrime: “Fatemi rivedere mia figlia”


 

Omicidio Melania Rea: Salvatore Parolisi in lacrime davanti al giudice del tribunale dei Minori ha chiesto di potere incontrare la figlia, che non vede dal giorno del suo arresto

parolisi trasferimento carcere

Avverrà nelle prossime ore – in seguito alla degradazione dall’Esercito – il trasferimento di Salvatore Parolisi dal carcere militare di Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Napoli, a quello civile di Bollate, in provincia di Milano, dove sconterà il resto della sua pena.

Intanto oggi 3 agosto si è tenuta l’udienza (che si aggiornerà il 30 gennaio 2017) presso il tribunale del minori di Napoli in merito all’istanza presentata da Parolisi per poter incontrare la figlia che non vede dal giorno del suo arresto, avvenuto nel luglio 2011. L’ex militare in tutti questi anni ha potuto solo parlare telefonicamente con lei: si sarebbe trattato di sporadiche telefonate fattesi sempre più rare.

Oggi in aula Parolisi ha pianto, ha supplicato il giudice di fargli rivedere la figlia. Duro il commento di Michele Rea, zio della bambina e fratello di Melania: “Ha piagnucolato in aula, come sempre. Ha detto che vuole vedere la figlia. Peccato che sia lui ad aver ucciso sua madre. Lui non ha amore per sua figlia, perché se lo avesse avuto non le avrebbe tolto la madre”.

La figlia di Melania è stata affidata ai nonni, e come ha confermato lo zio Michele “è serena”. “Sa tutto quello che è successo, gli psicologi ci hanno detto di farla crescere nella verità” – ha raccontato fuori dall’aula – “E quel che è certo, ribadisce lo zio Michele «è che faremo di tutto per fare in modo che non riveda il padre. Questa è l’unica cosa che importa, vogliamo solo tranquillità”.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...