di M.B. Michela in ,

Caso Meredith, Rudy Guede negata revisione processo: “Richiesta inammissibile”


 

Caso Meredith, negata la revisione del processo chiesta da Rudy Guede: per i giudici l’istanza presentata dai legali dell’ivoriano, unico condannato per il delitto, “è inammissibile”

meredith news rudy guede

Nessuna revisione del processo sull’omicidio di Meredith Kercher, lo ha deciso la Corte d’appello di Firenze che poco fa ha reso noto il rigetto dell’istanza presentata dai legali di Rudy Guede, di fatto l’unico condannato per il delitto di Perugia, avvenuto il 1° novembre 2007.

La Corte ha infatti giudicato “inammissibile” l’istanza avanzata dall’ivoriano, che sta scontando nel carcere di Viterbo la sua condanna definitiva a 16 anni di reclusione emessa nel 2010 per l’omicidio della studentessa inglese. La decisione dei giudici è arrivata dopo circa un’ora di camera di consiglio. Gli avvocati di Rudy Guede hanno fatto sapere che valuteranno se fare ricorso in Cassazione.

La difesa di Guede aveva parlato di incompatibilità tra la condanna del loro assistito “per omicidio in concorso”, e l’assoluzione in via definitiva per gli altri due imputati, giudicati in altra sede processuale, Amanda Knox e Raffaele Sollecito. “A nostro avviso l’incompatibilità c’è ed è piuttosto evidente e la revisione andava ammessa” – hanno ribadito oggi i legali dell’ivoriano – “In particolare ritenevamo che, aver la Corte di Cassazione stabilito che il coltello di Sollecito non è l’arma del delitto, che le tracce biologiche sul reggiseno non sono riconducibili a Sollecito, ecco noi ritenevamo che questi accertamenti di fatto fossero incompatibili con la condanna di Guede perché questa condanna dà per esistente che il coltello era quello e che nell’eseguire la violenza sessuale” sulla vittima, Guede “sarebbe stato coadiuvato da Sollecito”. I fatti, invece, per la Corte d’Appello di Firenze, che ha rigettato la richiesta di revisione, evidentemente non sono tra loro incontrovertibilmente in conflitto.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook