in

Caso Yara, Ezio Denti si prende seconda rivincita: la stoccata al pm Letizia Ruggeri

Ezio Denti, consulente della difesa di Massimo Bossetti il carpentiere bergamasco condannato anche in appello all’ergastolo per l’omicidio di Yara Gambirasio, canta di nuovo vittoria. Dopo il non luogo a procedere per le accuse di falsa attestazione e falsa testimonianza sulle sue qualità professionali mossegli dal pm dell’inchiesta Gambirasio, Letizia Ruggeri, l’ingegnere Denti è tornato sull’argomento ai microfoni della trasmissione ‘Legge o Giustizia’ su Radio Cusano Campus. “Durante l’udienza dell’8 e del 12 gennaio del processo Bossetti mi furono chiesti i titoli. Il PM Letizia Ruggeri volle contestare quanto dichiarato. Fui denunciato dalla Ruggeri per falsa testimonianza ed indagato per aver detto il falso sulla mia laurea in ingegneria. Nel processo, tra l’altro, ero nelle vesti di investigatore privato autorizzato e consulente. Non serviva nessun titolo di altro genere. C’è già stato un processo con un non luogo a procedere proprio perché ho la laurea a tutti gli effetti. Sono state fatte indagini dalla Procura che hanno attestato tutto quello che dicevo”, ha detto Ezio Denti ricostruendo i fatti accaduti.

pedofilo rimini yara gambirasio

Caso Yara, consulente Bossetti non sarà processato: non luogo a procedere per Ezio Denti

Sulla vicenda però ci sono stati nuovi sviluppi: “La Prefettura di Bergamo aveva aperto un fascicolo sui miei titoli di studio per vedere se applicare una sanzione amministrativa. Questo provvedimento era nato dal fatto che la Prefettura aveva ricevuto dalla Procura di Bergamo la notizia delle indagini in corso” – ha precisato Denti – “La Prefettura è quell’ente che tutela le licenze investigative. L’unica autorità che può sospendere o revocare le licenze è, appunto, la Prefettura. Da qui si sottolineava l’’accanimento nei miei confronti perché qualcuno voleva togliermi la qualifica di investigatore perché, dal 2010, bisogna essere laureati per accedere a questa professione. Quindi, non solo mi hanno accusato di aver detto il falso ma hanno anche cercato di non farmi più fare l’investigatore”.

Ieri c’è stata la sentenza, favorevole al consulente di Bossetti: “Noi avevamo fatto opposizione ed è stata accolta la nostra istanza. Quindi la Prefettura di Bergamo è stata condannata alla refusione delle spese per un totale di circa 652 euro […] Si è perso tempo con i soldi dei contribuenti. Vedere un PM che dimostra un accanimento personale con i soldi dei contribuenti lascia basiti. Bastava fare pochi controlli per verificare che quello che dicevo era vero invece di avviare un fascicolo di indagine”. Ezio Denti ha già provveduto “a fare circa 75 denunce nei confronti di giornalisti, redazioni ed altri soggetti che non sto a nominare” che lo definiscono ancora ‘senza laurea’. “Questa storia deve finire. Quando ero seduto sul banco dei testimoni per il processo Bossetti dissi alla Ruggeri: ‘Se Lei ha svolto le indagini su di me come per il caso Bossetti c’è da preoccuparsi’ … Durante la mia attività investigativa gente mi consigliava di lasciare il caso Bossetti perché avrei passato dei guai. Quando si cerca di intimorire Ezio Denti lo si stimola di più”.

L’Isola dei Famosi 2018, adesso parla Roberto Cenci: “Daniele Bossari non ha suggerimenti. Il canna-gate non può far saltare il Governo italiano”

Massimo Giletti e Fabrizio Corona insieme a Milano: cosa bolle in pentola?