in ,

C’è Posta per Te ospiti terza puntata 3 febbraio 2018: Maria De Filippi punta su personaggi di gran calibro

Domani sera, sabato 3 febbraio 2018, andrà in onda la terza puntata di C’è Posta per Te, programma leader d’ascolti del sabato sera condotto da Maria De Filippi. Le prime due puntate dello show televisivo hanno registrato un numero di ascolti molto alto, battendo la concorrenza delle altre reti. Anche quest’anno, dunque, Maria De Filippi conferma di essere la padrona del sabato sera grazie al suo programma C’è Posta per Te. Per la prossima puntata, la regina di Mediaset ha deciso di puntare su degli ospiti d’eccezione.

C’è Posta per Te terza puntata 3 febbraio 2018: chi sono gli ospiti

Nella terza puntata di C’è Posta per Te, in onda domani sera dalle 21:20 su Canale 5, gli ospiti di Maria De Filippi saranno il conduttore televisivo Carlo Conti e i due cantanti J-Ax e Fedez. Un tris di personaggi di gran calibro, con i quali la conduttrice di C’è Posta per Te mira a riconfermare l’ottimo numero di ascolti delle prime due puntate. La De Filippi potrà riabbracciare Carlo Conti, con il quale ha condiviso l’esperienza dello scorso Festival di Sanremo, registrando anche lì numeri da record. Parlando di record, Maria De Filippi ospita il duo dei record, J-Ax e Fedez.

Gli ospiti della terza puntata di C’è Posta per Te faranno una sorpresa a due protagonisti della puntata di Maria De Filippi. L’appuntamento è per domani sera, dalle ore 21:20, su Canale 5.

Written by Vincenzo Mele

Nato a Napoli il 13 Agosto 1996, si è diplomato al Liceo Classico Adolfo Pansini, in Napoli. Attualmente frequenta la facoltà di Lettere moderne all'Università Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei giornalisti della Campania. Si occupa di sport, tv e gossip.

Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser, l’ex gieffino conferma la convivenza: “Abbiamo preso casa a Milano”

Matteo Renzi crisi pd

Ultimi sondaggi elettorali Piepoli, intenzioni di voto degli italiani: a Porta a Porta non “sorride” Renzi