in ,

C’è Posta per te ospiti 17 marzo 2018: Luciana Littizzatto, Raffaello Tonon e Luca Onestini (FOTO)

Questa sera, sabato 17 marzo dalle 21.20 su Canale 5, nella nuova puntata di C’è Posta per te, saranno ospiti di Maria De Filippi: Luciana Littizzetto, Luca Onestini e Raffaello Tonon oltre che a Paola Caruso e a due splendide wags. La nota attrice e comica ha scritto ben cinque letterine a vari personaggi famosi sui social e in tv per chiedere loro alcuni importanti consigli. Cosa accadrà nello studio del programma dell’ammiraglia Mediaset? Maria De Filippi riuscirà a vincere, anche questo sabato, la sfida contro Milly Carlucci e Ballando con le Stelle 2018?

C’è Posta per te ospiti del 17 marzo 2018: le lettere di Luciana Littizzetto

Dopo il successo di sabato scorso, ottenuto grazie anche a Greggio, Iacchetti, Andrea Iannone e Belen Rodrguez, che pare abbiano preso per l’ospitata 50 mila euro, Maria De Filippi a C’ è Posta per te sfiderà Milly Carlucci portando in studio: l’attrice comica Luciana Littizzetto che coinvolgerà e divertirà il pubblico in studio e a casa con la sua verve. La Lettizzetto, però, chiamerà in causa: l’amatissimo Luca Onestini, l’intellettuale Raffaello Tonon, l’ex naufraga e la soubrette Paola Caruso otre che le wags Michela Persico, fidanzata del difensore della Juventus Daniele Rugani ed Erjona Sulejmani, ex moglie del centrocampista del Bologna Blerim Dzemaili. Cosa avrà in serbo Luciana per loro?

C’è Posta per te ospiti 17 marzo 2018: le storie

Dopo il divertente siparietto protagoniste del popolare people show torneranno ad essere le storie di personaggi sconosciuti. Fra amori, tradimenti, diatribe familiari e incontri di vecchie conoscenze, infatti, Maria De Filippi racconterà le storie dei protagonisti, consiglierà loro su cosa fare e cosa dire e continuerà a commuovere i suoi telespettatori.

 

processo matteo cagnoni news

Omicidio Giulia Ballestri marito: sconvolgente udienza al processo descrive la lunga e atroce morte della donna

Akash Kumar a Ballando con le Stelle 2018: non è questa la sua vera identità?