in

Chi è Riccardo Fraccaro: il candidato M5S come Presidente della Camera

Chi è Riccardo Fraccaro, il candidato del Movimento 5 Stelle come Presidente della Camera? A sorpresa il partito guidato da Luigi Di Maio, nella notte, ha deciso di preferire la candidatura di quest’ultimo anziché di Roberto Fico, presidente della commissione vigilanza Rai nella precedente legislatura. La scelta è da leggere anzitutto in chiave politica: Fico è un “DEM” all’interno del Movimento 5 Stelle, mentre Fraccaro guarda più a destra e potrebbe essere ben più gradito alla Lega che ieri ha rotto l’empasse politica scegliendo al Senato Bernini anziché Romani voluto da Berlusconi. Ma chi è Riccardo Fraccaro? Cosa sappiamo sulla sua carriera politica e sulla sua biografia? Ecco tutte le curiosità sul possibile presidente della Camera del Governo 2018.

Leggi anche: Segui la diretta per l’elezione del Presidente della Camera

Chi è Riccardo Fraccaro: la sua biografia

Riccardo Fraccaro, possibile presidente della Camera per il Governo 2018, è nato a Montebelluna il 13 gennaio 1981. Ha 37 anni compiuti da poco ed è all’interno del Movimento 5 Stelle da ormai otto anni, essendo entrato nel 2010. Fraccaro ha trascorso la sua gioventù a Riese Pio X, un paese della provincia di Treviso. Dopo il diploma, si è iscritto all’Università di Trento presso la facoltà di giurisprudenza e nel 2011 si è laureato in diritto internazionale dell’ambiente. Ha lavorato come dipendente di una Energy Service Company.

Chi è Riccardo Fraccaro: la carriera politica

Dopo aver fondato il Meetup di Trento nel 2010, Riccardo Fraccaro alle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio 2013 è stato candidato dal Movimento 5 Stelle come capolista alla Camera ed è stato l’unico deputato pentastellato eletto nella regione. Nel corso della XVII legislatura è stato eletto segretario dell’ufficio di presidenza. Per due anni, sino al 31 marzo 2015, è stato componente della I commissione permanente Affari Costituzionali. In seguito è passato alla XIV commissione permanente Politiche dell’Unione Europea. Dal 7 marzo 2016 è stato componente della commissione parlamentare per l’attuazione del federalismo fiscale.

Cosa ha fatto durante l’ultima Legislatura Riccardo Fraccaro?

Durante la legislatura ha raggiunto il 58,5% di presenze e ha presentato tre disegni di legge come primo firmatario: uno di questi, in materia di conflitti di interessi, è confluito in un testo unificato ed è stato in seguito approvato alla Camera, ma non al Senato. Il 10 ottobre 2013, all’inizio della sua attività parlamentare, assurse a una certa notorietà quando, durante la discussione in aula della legge sul finanziamento pubblico ai partiti, si rivolse ai deputati degli altri schieramenti politici chiamandoli “ladri” e provocando la sospensione della seduta.

Riccardo Fraccaro e la “sconfitta” alle elezioni 2018

Luigi Di Maio aveva indicato Riccardo Fraccaro come ministro dei rapporti con il Parlamento, in caso di vittoria elettorale e formazione di un governo pentastellato, alle politiche del 2018, dove è stato candidato alla Camera nel ‎collegio uninominale di Pergine Valsugana, ma con il 23% è stato superato sia dal candidato del centrodestra Maurizio Fugatti sia da quello del centrosinistra Lorenzo Dellai. È stato comunque rieletto per effetto della candidatura anche come capolista del Movimento 5 Stelle nel collegio plurinominale del Trentino-Alto Adige.

Elezioni 2018 Di Maio

Governo 2018, il M5S preferisce Fraccaro a Fico per la Presidenza della Camera: la decisione

Pensioni 2018 quattordicesima

Reddito di Cittadinanza M5S: quanto costerebbe allo Stato? Il commento dell’Inps