di Michele Iacovone in

Quando ci ubriachiamo siamo davvero noi stessi, lo rivela uno studio scientifico


 

Secondo uno studio scientifico, quando beviamo alcol ci avviciniamo alla nostra reale personalità, anche se non sempre può essere un’esperienza positiva

Bere alcol non ci rende diversi, lo conferma uno studio

A quanto pare, uno dei luoghi comuni più diffusi è quello di credere che la nostra personalità cambi quando beviamo e ci ubriachiamo. In realtà, l’alcol ci avvicina di più a noi stessi. C’è chi si mette a piangere, chi diventa logorroico, paranoico, c’è chi diventa irascibile e aggressivo, e chi non riesce a frenare i suoi impulsi libidinosi. Nonostante queste fluttuazioni, fondamentalmente rimaniamo noi stessi.

A sostenere questa tesi sono i ricercatori del Missouri Institute of Mental Health, all’Università del Missouri. Per capire se esista veramente una differenza tra personalità da sobri e personalità da ubriachi, hanno effettuato uno studio su un campione di 158 persone. Come primo passo, ogni partecipante doveva capire e valutare le differenze tra quando era sobrio e quando era ubriaco. Dopo due settimane, i soggetti sono stati divisi in due gruppi e introdotti in un ambiente di festa: al primo è stato servito un drink a base di vodka e succo di limone, al secondo una bevanda analcolica.

Durante la festa i soggetti dovevano rispondere alle domande dei ricercatori circa la percezione che avevano di se stessi e, inoltre, interagire con gli altri. Secondo gli studiosi, l’alcol rende sì più estroversi, ma non cambia la personalità dell’individuo, anzi. Questi tende ad avvicinarsi molto di più al suo vero carattere e, forte del potere non inibitorio dell’alcol, svela lati sconosciuti che normalmente rimarrebbero latenti. Fondamentalmente, anche con l’alcol rimaniamo noi stessi.

* Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook