in ,

Cinema, Allarme Terrorismo: ecco cosa è successo a Torino

Incredibile, ma vero. Andare al cinema, oggi, può comportare anche questi problemi. Vedere i tuoi vicini di posto “scappare” via perché sei ‘diverso’. La società attuale vive un’epoca di atti di terrorismo che non fanno dormire sonni tranquilli. Ma a tutto c’è un limite. Quanto accaduto lo scorso 1 gennaio a Torino, al cinema di via Livorno, lascia esterrefatti: nella prima serata dell’anno in sala è andata in scena la ‘psicosi Terrorismo’.

Cosa è accaduto? Durante la visione del film Passengers di Morten Tyldum, 150 spettatori presenti in sala sono fuggiti via a metà film. Qualità della pellicola scarsa? Assolutamente no. Una famiglia di origine magrebina, come riporta La Stampa, avrebbe iniziato a scambiarsi messaggi su Whatsapp accompagnate da fragorose risate e commenti in lingua araba.

—> TUTTO SUL MONDO DEL CINEMA

Un comportamento che ha attirato i sospetto di una parte della platea: la paura degli spettatori del Cinema di via Livorno è che fossero degli attentatori. E così il fuggi fuggi generale ha preso il sopravvento, tra lo stupore dei gestori del cinema che si sono visti costretti a chiamare i carabinieri.

Disoccupati a Napoli: bando pubblica utilità

Napoli: bando per disoccupati 2017 nei lavori di pubblica utilità, requisiti e scadenza

50 Sfumature di Nero

50 Sfumature di Nero: Jamie Dornan e Dakota Johnson, cosa dobbiamo sapere sul sequel di 50 Sfumature di Grigio (TRAILER)