di M.B. Michela in ,

Cirò Marina Antonella Lettieri: il suo sangue nell’auto del vicino di casa, lui si giustifica così


 

Cirò Marina Antonella Lettieri, il suo sangue nell’auto del vicino di casa: ecco come l’uomo si è giustificato con il Gip che ne ha convalidato il fermo

antnella lettieri omicidio news

Cirò Marina Antonella Lettieri: il vicino di casa Savatore Fuscaldo, arrestato giovedì notte per il presunto omicidio della commessa 42enne, rimane in carcere.

A deciderlo il Gip Michele Ciociola, che ha confermato per il bracciante agricolo la custodia cautelare in carcere. Prima della convalida del fermo, tuttavia, Fuscaldo diversamente dall’atteggiamento assunto nei due primi colloqui con gli inquirenti, nei quali si avvalse della facoltà di non rispondere, stavolta ha risposto ai magistrati.

L’uomo ha risposto alle domande del giudice negando i fatti che gli vengono contestati – omicidio volontario pluriaggravato ai danni della vicina di casa Antonella Lettieri – e fornendo la sua personale spiegazione del perché sul sedile della sua auto sia stato rinvenuta una traccia di sangue appartenente alla vittima. Fuscaldo ha detto che Antonella Lettieri aveva imparato a guidare proprio utilizzando la sua vettura, che lui oltretutto lasciava sempre aperta perché aveva il telecomando rotto, e che dunque quella piccola traccia di sangue potrebbe risalire ad un periodo antecedente l’omicidio.

>>> Cirò Marina Antonella Lettieri, arrestato il vicino di casa: i due avevano una relazione segreta? Indiscrezioni <<<

Per quanto riguarda il presunto prestito che Antonella Lettieri gli avrebbe fatto, e che potrebbe essere secondo gli inquirenti la causa scatenante del raptus omicida che gli viene contestato, il 50enne ha negato di aver mai chiesto soldi alla donna, precisando che lui lavora e non ha certo bisogno di denaro.
Le indagini intanto proseguono, in quanto in questa vicenda sono ancora tanti i punti oscuri. Si apprende infatti che sarebbe stato trovato parecchio sangue nel piatto doccia dell’uomo: tracce ematiche miste, dell’indagato e della vittima.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook