in

Classifica libertà di stampa 2013: Italia solo 57esima

Nella classifica stilata dall’organizzazione no-profit Reporters Sans Frontieres è emersa la posizione dell’Italia, per niente tranquilla nel campo della libertà d’informazione, dove sono numerosi i cosiddetti “bavagli” che vengono messi a determinate notizie.

libertà informazione

Notizia che può sembrare una pura curiosità, ma tale non è: infatti l’organizzazione francese si occupa proprio di valutare, paese per paese, le condizioni di lavoro per giornalisti e organi di stampa, e il fatto che l’Italia sia appena 57 esima in questa graduatoria certo non è un dato incoraggiante.

Dati alla mano possiamo vedere come la statistica non sia affatto infondata: solo nel 2012 sono ben 139 gli episodi di minacce che hanno visto al centro giornalisti (ben 316) a causa della criminalità organizzata o semplicemente per il riportare notizie scomode. Da non dimenticare i tanti casi simili a quelli di Giovanni Tizian, giornalista che da alcuni mesi vive sotto scorta a causa delle minacce dalla ‘Ndrangheta, così come successo (per la Camorra) anche per il celebre scrittore di Casal di Principe, Roberto Saviano.

La classifica del nostro paese appare ancor più preoccupante se si pensa che per pochi punti superiamo paesi come Mongolia, Serbia, Mozambico e Congo, dove la democrazia non esiste o è fragilissima. Diametralmente opposta la situazione nei paesi della Scandinavia, ma anche in Germania, Spagna, Polonia e altri paesi europei dove i bavagli sono limitati il più possibile.

Pesa sulla classifica deficitaria dell’Italia anche il caso Sallusti, il giornalista condannato per una diffamazione alla detenzione in carcere. L’Italia  non ha certo ben figurato al cospetto di altri paesi, visto che si è passati da un interesse asfissiante per la vicenda, fino alla completa incuranza. Resta ben poco da aggiungere, l’unica speranza è che questa classifica venga mostrata a tutti coloro che da settimane si stanno impegnando a promesse importanti per la campagna elettorale.

Written by Mattia Preziuso

Nato ad Avellino, 21 anni, appassionato di sport, prevalentemente calcio. Studente di Farmacia presso l'Università degli Studi di Fisciano e già collaboratore di altri siti. Segue con particolare attenzione notizie utili e sport.

Roma, dopo Zeman: Malesani, Rijkaard o Blanc?

Disoccupazione in Italia all’11,2%: +1,8% in un anno